Roma: in piazza per il referendum su acqua e nucleare

Pubblicato il 26 Marzo 2011 - 14:21 OLTRE 6 MESI FA

ROMA – Il popolo dell’acqua scende in piazza oggi con una manifestazione promossa dal Comitato Referendario Sì per l’Acqua Bene Comune e dal Forum dei Movimenti per l’Acqua. Il corteo è partito da Piazza della Repubblica a Roma alle ore 14 e si concluderà alle 17 a Piazza San Giovanni con un concerto. La manifestazione nazionale nasce anche per ribadire il si’ ai referendum su nucleare e acqua il 12 e 13 giugno.

In piazza ci saranno anche gazebo e volantini per conoscere tutte le ragioni per votare «sì» al referendum abrogativo del decreto con cui il governo aveva deciso il rientro dell’Italia nel «club dell’atomo». E per votare «sì» all’abrogazione del decreto che prevede la privatizzazione dell’acqua, perché, spiegano i promotori del referendum del Forum italiano dei movimenti per l’Acqua, «è da anni che i movimenti in difesa dell’acqua bene comune si battono per il suo riconoscimento quale diritto umano universale, diritto calpestato da diverse norme che vogliamo abrogare con i referendum».

Il 12 e il 13 giugno i cittadini si dovranno esprimere su tre quesiti referendari – privatizzazione delle risorse idriche, legittimo impedimento e ritorno al nucleare. Comitato Vota si per fermare il nucleare, Legambiente, Greenpeace, Wwf, Idv (partito promotore dei quesiti referendari), Cgil, Verdi, Ecodem e Pd , Forum dei Movimenti per l’Acqua, il Popolo viola e la Federazione della sinistra in piazza quindi per spiegare e sostenere perché il nucleare non conviene. Legambiente l’ha già detto e ripetuto più volte, e torna a ribadirlo una volta di più: il nucleare «è pericoloso, come dimostra, purtroppo, la tragedia giapponese di Fukushima», e pone «il problema irrisolto e non da poco dello smaltimento definitivo delle scorie». Da un punto di vista dell’ambiente e della salute, «l’agricoltura rischia di essere pesantemente penalizzata», mentre i bambini che abitano nelle vicinanze «corrono maggiori rischi di contrarre la leucemia». «Non farti prendere per il naso, ai referendum vota sì» sarà invece lo slogan con cui il Wwf parteciperà alla manifestazione, con attivisti che saranno «camuffati da Pinocchio contro ogni bugia».

Trasporti. Dalle 14 alle 20, manifestazione con corteo organizzata dal Comitato promotore dei referendum, da piazza della Repubblica a piazza di Porta San Giovanni. I manifestanti si muoveranno da piazza della Repubblica e percorreranno viale Luigi Einaudi, piazza dei Cinquecento, via Cavour, piazza Esquilino, via Liberiana, piazza Santa Maria Maggiore, via Merulana, viale Manzoni, via Emanuele Filiberto e raggiungeranno piazza di Porta San Giovanni. Dovranno essere limitate o deviate le linee di bus Atac C3, H, 3, 16, 36, 40 Express, 60 Express, 64, 70, 71, 75, 81, 84, 85, 87, 105, 170, 175, 360, 590, 649, 650, 665, 673, 714, 810, 910, le linee di tram 5 e 14 e la linea 218 di Roma Tpl. Per quanto riguarda le linee 650 e 665 di Atac e 218 di Roma Tpl, inoltre, è temporaneamente soppresso il capolinea di piazza di Porta San Giovanni.