RU 486/ Antonio Palagiano dell’Idv contesta le crociate anti abortiste.”E’ un farmaco, non uno strumento di lotta politica”

Pubblicato il 13 agosto 2009 16:52 | Ultimo aggiornamento: 13 agosto 2009 17:22
palagiano

Antonio Palagiano

«La RU486 è un farmaco e non uno strumento di lotta politica. Per il suo utilizzo è necessaria una scelta responsabile e non ideologica, che sarà il medico, di volta in volta, e caso per caso a dover compiere, nell’interesse esclusivo della paziente».

Lo ha dichiarato Antonio Palagiano, capogruppo IDV in commissione Affari Sociali alla Camera. «In alcuni specifici casi – sottolinea il parlamentare dipietrista –  la paziente potrà evitare di sottoporsi ad un intervento chirurgico e ad un’anestesia, con i relativi e ben noti rischi. La pillola RU486, infatti, non può considerarsi una panacea o un toccasana per eliminare una gravidanza indesiderata o inopportuna, né può rappresentare lo strumento per un aborto fai da te. E’ giusto che la RU 486 sia disponibile anche in Italia, come ha consentito l’Aifa, ed è giusto che sia il mondo scientifico e non quello politico a stabilirne i limiti, la sicurezza e le modalità di fruizione».

«È ora che la sanità torni in mano ai professionisti della medicina e non alla politica tuttologa che, anche in questa occasione, non ha lasciato spazio alle società scientifiche italiane ed internazionali per affrontare problematiche così particolari e complesse per gli stessi addetti ai lavori».