Ruby a Vienna al Gran Ballo: “Io sono parte lesa, ma dai media”

Pubblicato il 2 Marzo 2011 20:02 | Ultimo aggiornamento: 2 Marzo 2011 20:02

VIENNA – Ruby è arrivata al Gran Ballo delle debuttanti a Vienna. Camicetta bianca senza maniche e gonna nera stretta, la ragazza al centro dell’inchiesta sul bunga bunga ha parlato anche del polverone sollevato dalla polemica sui presunti festini ad Arcore. “Io al processo sono parte lesa – ha detto in conferenza stampa – e mi sento parte lesa dai media, non da Berlusconi. Da lui ho solo avuto del bene”.

“Voglio tornare la Ruby normale di prima –  ha aggiunto – rivoglio la mia identità. Adesso voglio solo sposare il mio fidanzato che amo e pensare a fondare una famiglia, la realtà che non ho avuto. Ora devo restare in Italia per il processo, ma sto pensando a emigrare, per rifarmi una vita”.

“Da Berlusconi ho avuto solo del bene – ha ribadito Ruby – io sono parte lesa ma lesa dalla stampa, dai media, che mi hanno sparato addosso e mi hanno appiccicato un’etichetta da escort senza prove”. Alla domanda se 180mila euro non siano tanti per una cena, ha risposto: “E chi ha detto che li ho ricevuti? Non c’è nessuna prova”. E ancora: “Tra tutte le ragazze invitate, io sono l’unica su cui non ci sono prove in registrazioni telefoniche di contrattazioni per denaro”.

Poi un piccolo accenno al ballo: “Non so ballare il valzer, conosco solo la danza del ventre perché vengo da quella cultura, ma a volte si può imparare e lanciarsi”. Sia Berlusconi sia Lugner, ha detto, “sono persone molto gentili, simpatiche, sono state gentili con me. Sono persone generose, e non è facile essere generosi quando si è potenti”.