Ruby. 47. “Roberta pretende di tutto ma lui è preso”

Pubblicato il 26 Gennaio 2011 4:18 | Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio 2011 1:18

È il 22 agosto 2010. Emilio Fede chiama Lele Mora. Il giornalista dice di aver parlato con “lui” alle tre  e mezzo e che le ragazze possono andare alla partita (il 22 agosto 2010 si è giocato il Trofeo Berlusconi). Poi Lele e Mora parlano, con molta cautela, di un messaggio da recapitare, sempre a “lui” nella stessa sera.

Emilio: Lele..

Lele : grande direttore

Emilio: ciao, senti ho parlato con lui oggi pomeriggio alle tre e mezza

Lek : che dice di bello

Emilio: è stanco incazzato per sta storia di Bossi, Casini ecc., poi ha detto che lui andava alla partita… aveva capito che conoscevo delle ragazze, dice: “Portale alla partita”, sono quelle due belle che mi ha presentato sai la storia di ieri sera vado rapido perché, sai no la storia con Daniele…

Lele : sì

Emilio: e queste ‘ sono molto belle, che allora verrebbero, invece a cena perché c’hanno la cosa sul lago d’Orta giusto

Lele : si, alle nove finiscono tutta la cosa, la manifestazione

Emilio; sì poi ne parliamo comunque appena ho finito qua  e quell’altra ha preso possesso secondo me le abbiamo regalato un tesoro a quella li che non merita non mi piace quella persona

Lek : no

Emilio: Roberta no, ha preso già troppo possesso pretende di tutto

Lele : ho capito, cambiamo eh

Emilio: eh

Lele : cambiamo

Emilio: eh ma non gliela togli, non la togli lui è preso

Lele : ho capito

Emilio: lei è li al lago, a Daniele gli ha risposto no, no non vengo non me ne frega niente sto qua con lui, e lei distesa al sole… è proprio, questa è una Claudia Galanti in edizione diversa sai

Lele : non la conosco molto bene conosco il livello professionale capito però sai le persone poi si conoscono in maniera frequentandole

Emilio: e caro mio ma questa sai ha messo le mani sul tesoro eh

Lele : eh si, lei cosa vuole fare allora?

Emilio: no io ci devo andare alla partita e alla cena

Lele : ho capito

Emilio: alla cena facendomi raggiungere…

Lele: dalle due…

Emilio: dalle due, però io e te quando ci vediamo?

Lele: quando lei vuole

Emilio: io volevo che tu, io volevo portargli questo messaggio

Lele : sì, io posso mandare adesso anche Mario a prendere tutto in una busta chiusa poi magari lo porto io indietro compilato scritto bene

Emilio: ecco va bene

Lele : no mando Mario a ritirarlo mi mettete tutto in una busta chiusa poi vengo io a portarglielo

Emilio: ecco… ma me lo porti tu qua?

Lele : sì sì vengo io lì

Emilio: perché bisogna che stasera gli arrivi sto messaggio hai capito?

Lele : va bene allora io mando subito Mario a ritirarlo lo scrivo

Emilio: si, no lo scrivo io te lo scrivo

Lele : si ma…

Emilio: mica lo scrivi tu

Lele : e no ma ho paura che magari lui veda la calligrafia poi se lo scrivi

Emilio: no no quello sì, vuoi che… fatta la verifica vuoi che te lo detta in modo che guadagniamo tempo e te lo scrivi

Lele : anche, va bene allora io tra 10 minuti la richiamo e lei me lo detta