Salvini e Di Maio, incontro a Palazzo Chigi. Il ministro dell’Interno: “Da M5s ho sentito dei sì”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 giugno 2019 0:22 | Ultimo aggiornamento: 7 giugno 2019 0:22
Salvini e Di Maio, incontro a Palazzo Chigi. Il ministro dell'Interno: "Da M5s ho sentito dei sì" (foto Ansa)

Salvini e Di Maio, incontro a Palazzo Chigi. Il ministro dell’Interno: “Da M5s ho sentito dei sì” (foto Ansa)

ROMA – I due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, sono tornati a parlarsi. 

Il faccia a faccia tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio si è tenuto nel primo pomeriggio di giovedì 6 giugno, a Palazzo Chigi. Un confronto durato circa un’ora, al termine del quale entrambi hanno lasciato la sede della presidenza del Consiglio senza rilasciare dichiarazioni. 

Fonti sia della Lega che del M5s hanno giudicato l’incontro “proficuo e positivo”.

5 x 1000

“Un colloquio utile, positivo e cordiale – si legge in una nota congiunta – per fare il punto sulle priorità da realizzare in tempi brevi e per riavviare un dialogo costruttivo con l’Europa che rimetta al centro, dopo anni di governi passivi, gli italiani”.

Tra gli obiettivi “da realizzare, l’abbassamento delle tasse, argomento che i due vicepremier considerano “prioritario per il rilancio del Paese. Servono misure straordinarie e nessun aumento delle tasse per lo sviluppo dell’economia. I maggiori incassi dell’Irpef e dell’Iva quasi dell’8 per cento e la diminuzione della disoccupazione rispetto al 2018 nei primi quattro mesi di quest’anno ci dicono che siamo sulla buona strada”. Per Di Maio e Salvini, dice ancora la nota, “il governo deve andare avanti”.

“Cercheremo di rispettare numeri e numeretti – ha detto Salvini in un comizio a Prato dopo l’incontro con Di Maio – ma non aumenteremo le tasse. Oggi mi sono visto per un’oretta con l’amico Di Maio e, finite le polemiche della campagna elettorale, vi do la mia parola che farò di tutto perché il governo vada avanti, perché è l’unico che può cambiare il Paese. E oggi ho sentito anche dei sì sui cantieri”.

Fonte: Ansa.