Salvini: “Mandiamo Laura Boldrini a dialogare con l’Isis””

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Dicembre 2015 10:47 | Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre 2015 10:47
Matteo Salvini (foto Ansa)

Matteo Salvini (foto Ansa)

ROMA – “Secondo me l’Isis è equiparabile al nazismo in quanto a fanatismo, cattiveria, follia” dice e scrive, in Tv e su Facebook, da giorni Matteo Salvini. E il leader della Lega non ha dubbi: “Bisogna combattere l’Isis con le armi. Con i bombardamenti. L’Isis si combatte con le armi. Che cosa facciamo? Gli mandiamo la Boldrini a dialogare?”.

“Nessuno ama l’intervento militare, però mi domando: veramente qualcuno pensa di poter dialogare veramente con l’Isis? Riportare alla ragione chi taglia la gola? È chiaro – aggiunge Salvini – che bisogna chiudergli i finanziamenti, bloccare il petrolio, ma li si deve attaccare militarmente”. Il segretario federale della Lega ha espresso la sua opinione sui leader di Russia e Usa. “Obama il peggior presidente degli Usa negli ultimi anni”, ha affermato, mentre di Putin ha espresso condivisione per le sue scelte politiche, seppur, ha ammesso, “non andrei a vivere a Mosca o a San Pietroburgo”. “Prendo atto del fatto che difende i suoi principi e attacca l’Isis, cosa a cui dovremo pensare noi. Penso che sia un leader con le idee molto chiare”.

Sulla la controversa figura del leader siriano Assad, Salvini si è detto d’accordo con chi ritiene che dovrebbe andarsene. “La Siria ha bisogno di uomini nuovi e di nuova tranquillità”, ha affermato, osservando che pur con i limiti nel campo dei diritti umani del suo governo “la tolleranza e la convivenza tra religioni era garantita”.