Salvini apre al reddito di cittadinanza: “Ok se fa ripartire il lavoro”

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 marzo 2018 20:41 | Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2018 20:49
Matteo Salvini apre al reddito di cittadinanza di m5s

Matteo Salvini alla prima seduta della XVIII legislatura (Foto Ansa)

ROMA – Prove di intesa tra Lega e M5s. E Matteo Salvini apre al reddito di cittadinanza: “Ok se fa ripartire il lavoro”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Dopo l’intervista al Corriere della Sera nella quale Silvio Berlusconi ha aperto ad un governo Salvini escludendo l’ipotesi di una alleanza solo Lega-M5s, a parlare è il leader del Carroccio, che va all’attacco dell’Unione europea sul caso Puigdemont: “I problemi fra Madrid e Barcellona si risolvono dialogando, non con le manette. L’Unione Europea ha dimostrato il suo nulla”. E poi, sul prossimo governo, ha confermato di essere più che disponibile alla poltrona di presidente del Consiglio ma, ha avvertito, “non è o Salvini o la morte”, ha chiarito, aprendo alla possibilità di diventare ministro.

“A me – ha spiegato il leader della Lega – interessa che l’Italia cambi. Sono pronto a metterci la faccia in prima persona e lavorare 24 ore su 24. Ma siccome voglio il cambiamento non è o Salvini o la morte. La coalizione che ha vinto è quella di centrodestra. Anche se non ha i numeri sufficienti per governare da sola ha vinto, quindi si parte dal programma di centrodestra”, ha sottolineato Salvini.

E all’interno del centrodestra, ha ricordato, l’accordo era che chi prendeva un voto in più esprimeva il premier. “Sono pronto ma – ha aggiunto – non voglio fare il presidente del Consiglio a tutti i costi”. Poi, ricalcando le parole di Beppe Grillo, ha elogiato Salvini: “Per ora i 5 Stelle si sono dimostrati affidabili – ha detto – Io le persone le giudico dai fatti, non dalle parole. Poi nei fatti, nei numeri uno si dimostra affidabile o non affidabile” ha spiegato aggiungendo che “quello che hanno detto, hanno fatto. Come Di Maio e Grillo hanno detto Salvini ha dato una parola e l’ha mantenuta, io apprezzo la gente che dice una cosa e poi la fa” e questo “vale anche per Berlusconi: alla fine abbiamo chiuso con il centrodestra compatto”.

Ma l’avvicinamento maggiore si registra su uno dei cavalli di battaglia del Movimento 5 stelle: il reddito di cittadinanza. “Se fosse pagare la gente per stare a casa dico di no, ma se fosse uno strumento per reintrodurre nel mondo del lavoro chi oggi ne è uscito allora sì”, ha chiosato Salvini. Con Di Maio “non ne abbiamo mai parlato, non abbiamo mai parlato di governo e di programmi, per serietà abbiamo parlato di fare partire prima possibile i lavori delle Camere sulle idee che abbiamo su temi come lavoro, giustizia, scuola dobbiamo confrontarci”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other