Salvini sindaco di Roma? “No”. Il vero sogno è Milano…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Ottobre 2019 11:41 | Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre 2019 11:41
Matteo Salvini sindaco di Roma? "No". Il vero sogno è Milano...

Matteo Salvini in una foto d’archivio Ansa

ROMA – Matteo Salvini sindaco di Roma? No. Matteo Salvini sindaco di Milano? Forse. E’ proprio il leader della Lega a chiudere una possibilità (cioè candidarsi al Campidoglio per il dopo Raggi) e a lasciarne aperta un’altra (l’ascesa a Palazzo Marino, attualmente occupato da Beppe Sala). Il dubbio è sorto negli ultimi mesi, visto che Salvini ha puntato Virginia Raggi come uno dei bersagli preferiti dei propri attacchi a mezzo social.

Salvini è intervenuto ad Agorà Tre: “Ci sarà un romano o una romana che può fare il sindaco! Io son di Milano cosa c’entro a Roma?”. “Ci sono tante persone che si stanno mettendo a disposizione e sono contento, non faccio nomi perchè lavoriamo al progetto”. Diverso il discorso per la guida della città di Milano: “Mi piacerebbe prima o poi, ma prima voglio tornare al governo per finire quello che ho cominciato” ha spiegato il leader della Lega.

Bitonci: “La Lega è pronta anche per Roma”.

Massimo Bitonci, deputato della Lega, ex sottosegretario al Mef, è intervenuto ai microfoni della trasmissione L’Italia s’è desta, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Su Roma. “Parlavo con alcuni tassisti del sindaco di Roma e gli spiegavo che se una persona non ha fatto un gavetta da amministratore vero è difficile che possa capire come si gestisce una metropoli come Roma. Purtroppo il sindaco Raggi è stata una grande delusione anche per i romani. Sondando tra la gente sento che il sindaco va molto male ed è anche molto poco apprezzato nei quartieri.

Le nostre mire su Roma? Noi abbiamo 450 sindaci della Lega, abbiamo amministratori molto competenti in tante regioni, quindi la Lega punta alle amministrazioni locali, al governo del territorio, anche a Roma quando si andrà a elezioni la Lega punterà a vincere. Domenica alla manifestazione in Piazza San Giovanni sono state fatte mille tessere della Lega a Roma. Anche questo fa capire quanta voglia ci sia a Roma di cambiamento. Il Pd ormai prende voti solo nei centri storici, è diventato un voto radical chic. Loro hanno smesso di andare davanti alle fabbriche durante le manifestazioni, nei quartieri in mezzo alla gente, sono diventati il partito dei salotti, delle ztl.

La Lega è sempre stato un partito molto trasversale e popolare. Salvini è sempre in mezzo alla gente, da ministro dell’Interno ha fatto molto di più stando tra la gente che al Viminale perché è ascoltando quelle esigenze che sono nati i decreti sicurezza. Lamorgese starà tutto il giorno a girare le carte al Viminale, non fa un’intervista, non va in mezzo alla gente a capire che succede”. (Fonti Agi e Radio Cusano Campus).