Sardine. L’attivista Jasmine Cristallo querela il sindaco di Riace: pubblicati su Fb i suoi dati personali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Gennaio 2020 9:05 | Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2020 9:13
Sardine. L'attivista Jasmine Cristallo querela il sindaco di Riace: pubblicati su Fb i suoi dati personali

Jasmine Cristallo con Mimmo Lucano (Ansa)

ROMA – Coda giudiziaria al termine dello sbarco del movimento delle “Sardine” a Riace in Calabria, luogo simbolo dell’accoglienza ai migranti. Il sindaco di centrodestra Antonio Trifoli, il successore di Mimmo Lucano, ha pubblicato su Facebook i dati personali di un’attivista, Jasmine Cristallo. 

Che ora annuncia azioni legali. “Eccovi il signor Antonio Trifoli. Non l’ho mai incontrato di persona, ma tra poco succederà: in tribunale”.  Era successo che l’attivista calabrese aveva inviato via mail al sindaco per chiedere le autorizzazioni del caso per organizzare la manifestazione.

Il sindaco – che parla di un errore – ha pubblicato sul social network un commento allegando gli indirizzi mail e di casa della sardina. La polemica è subito montata in rete. 

Secondo un utente, il cui post è stato condiviso dalla stessa Cristallo, Trifoli avrebbe “esposto pubblicamente” la sardina calabrese, una donna “che ha ricevuto insulti e minacce da parte dei sovranisti”, che “è stata messa alla gogna dallo stesso Salvini” e che adesso “è esposta a qualunque fanatico”. (fonte Ansa)