Schifani: “I partiti cambino o crolla tutto”

Pubblicato il 23 Aprile 2012 19:33 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2012 20:07

ROMA, 23 APR – ”Il mio richiamo ai partiti e’ che bisogna fare presto prima dell’estate sul rifinanziamento perche’ la valanga che rischia di arrivare e’ dietro la porta”. Lo dice il presidente del Senato Rento Schifani a Porta a Porta. ”Non voglio drammatizzare perche’ la situazione e’ drammatica di per se’ e rischia di crollare tutto”.

”Mi auguro – ha aggiunto Schifani – si voti nel 2013, non possiamo che votare l’anno prossimo altrimenti rischiamo un impazzimento politico-istituzionale con un voto ad ottobre”.

Secondo il presidente del Senato ”l’aggregazione tra i moderati dovrebbe essere naturale ma il non farla e’ frutto di qualche veto posto da qualcuno non tanto sul ruolo politico di Berlusconi ma sulla sua stessa presenza in politica”.

‘Nel breve termine – secondo Schifani – conviene, per ridurre lo spread, stabilizzare il rapporto Merkel-Sarkozy. Nel medio termine potrebbe convenire il rapporto Hollande-Merkel per consentire una rivisitazione delle politiche di bilancio oggi  rigide e un po’ soffocate dalle politiche tedesche”. Il presidente del Senato Renato Schifani spezza una lancia in favore di Hollande quando parla dello spread che e’ aumentato anche oggi. Per la seconda carica dello Stato questo momento ”e’ dovuto al fattore Spagna e a una volatilita’ dei mercati legata al primo turno delle elezioni francesi” perche’ – spiega – ”c’e’ incertezza su chi vincera’ in Francia”.