Sciopero generale. Renzi: va rispettato. E Lupi ritira precettazione ferrovieri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Dicembre 2014 19:39 | Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre 2014 20:08
Sciopero generale, Lupi ritira precettazione. Domani fermi anche i treni

Sciopero generale, Lupi ritira precettazione. Domani fermi anche i treni (foto LaPresse)

ROMA – Matteo Renzi ci mette una pezza e il ministro Maurizio Lupi revoca la precettazione. Sciopero generale domani 12 dicembre sarà e sarà anche per i treni. Unica piccola differenza sarà di orario: lo sciopero degli addetti al personale ferroviario sarà di 7 ore e non di 8 come originariamente previsto. Treni quindi a rischio stop dalle 9 alle 16 e non dalle 9 alle 17.

Che qualcosa potesse succedere in extremis si era già capito da qualche ora, quando il presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva usato parole decisamente concilianti nei confronti dello sciopero e del sindacato. Soprattutto Renzi aveva fatto capire che su quella precettazione si sarebbe intervenuti, si sarebbe “in qualche modo trovata una soluzione”.
E così è stato. Con legittima soddisfazione di chi potrà scioperare e altrettanto legittima amarezza di chi sperava almeno nei treni in quello che si annuncia come un venerdì nero per la mobilità nelle grandi città.

Eppure la mattinata era cominciata con auspici ben diversi. Con la leader della Cgil Susanna Camusso che proprio contro il governo, per la questione precettazione, aveva utilizzato toni forti parlando di “atto gravissimo”.

Nel pomeriggio la svolta, con Renzi che usa parole morbide nei confronti del sindacato:

“Il diritto di sciopero è garantito dalla Costituzione e noi lo rispettiamo. Il fatto che io non sia d’accordo sullo sciopero di domani non toglie che la protesta domani si faccia, sia ben organizzata e gestita e, conoscendo le organizzazioni sindacali che lo hanno programmato, nel rispetto delle opinioni diverse, credo che domani filerà tutto liscio”.

Renzi poi aveva espresso l’auspicio che si potessero “superare le incomprensioni tra Lupi e Camusso”. La missione sembra compiuta. E quindi, domani, sciopero anche dei treni.