Scuola, graduatorie regionali. Gelmini: “Solo per i prof residenti da almeno 2 anni”

Pubblicato il 30 Aprile 2010 15:41 | Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 2010 16:25

Maria Stella Gelmini

Le “gabbie regionali” per gli insegnanti riguarderanno i docenti che risiedano da più di due anni su un determinato territorio. Lo ha spiegato il ministro dell’istruzione Maria Stella Gelmini, che aveva annunciato qualche settimana fa la novità del reclutamento “federalista” dei professori: “Se un insegnante di Palermo vorrà lavorare in Lombardia potrà farlo, a patto di garantire almeno due anni di residenza”.

“L’albo regionale è uno strumento, l’obiettivo è innalzare la qualità della scuola – ha proseguito la Gelmini in un’intervista al settimanale Io Donna – Trovo insopportabile, come la gran parte dei genitori il turnover degli insegnanti. Bisogna avvicinare il luogo di lavoro al luogo di residenza”.

Il ministro specifica che “gli insegnanti saranno reclutati su chiamata diretta da parte delle scuole in base al merito: chi fa bene guadagna di più, chi sbaglia paga. Ognuno è artefice del proprio destino. E il sindacato sarà destinato ad avere un ruolo sempre meno dominante”.

La Gelmini quantifica quindi gli incentivi agli insegnanti che arriveranno dai risparmi fissati dalla Finanziaria: “Si tratta di tre miliardi, da spendere in tre anni. Non a pioggia, ma sulla base di esperienza e curriculum. Secondo un sondaggio della fondazione Agnelli sono gli stessi insegnanti che vogliono essere valutati”.