Vittorio Sgarbi, battuta su Di Maio e Giovanna Melodia: “Loro storia non era nel Contratto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 agosto 2018 9:13 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2018 9:13
Vittorio Sgarbi, battuta su Luigi Di Maio e Giovanna Melodia: "Loro storia non era nel Contratto"

Vittorio Sgarbi, battuta su Di Maio e Giovanna Melodia: “Loro storia non era nel Contratto”

ROMA – Vittorio Sgarbi non perde l’occasione per una stilettata a Luigi Di Maio: ha detto che la fine della storia tra il ministro del Lavoro e la fidanzata Giovanna Melodia è la naturale conseguenza del fatto che lei non fosse nel contratto di governo [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

Questo il post pubblicato da Sgarbi su Facebook:

Luigi Di Maio lascia la fidanzata siciliana Giovanna Melodia. Non era nel “Contratto di Programma”.
È stata quindi lasciata cadere.
Occorre un pronto soccorso.

Giovanna Melodia, , in una intervista a Oggi, aveva annunciato la sua rottura col vicepremier: “Visto che fino a oggi non c’è stata nessuna comunicazione ufficiale ho deciso di farlo io: la storia tra me e Luigi Di Maio è finita”.

Ma perché i due si sono detti addio? “È finita ai primi di giugno – continua l’avvocato e consigliere comunale dei 5 Stelle ad Alcamo (Trapani) – nei giorni in cui giurava il governo, ma la storia si trascinava già da un mese… Lasciarci è stata una scelta maturata e condivisa da entrambi, non si poteva andare avanti. Un amore, intenso, per me e per lui”.

Il motivo della rottura? “La politica ha contribuito – precisa -. La distanza e il fatto che lui fosse così preso dalla formazione del governo. Era molto stressato, era impossibile vederci… Prima mi coinvolgeva nelle sue giornate, condivideva tutto con me con messaggi, note vocali, video, foto. Il nostro era un rapporto vivo”.

Ma nonostante la fine del loro rapporto, Giovanna ha poco da rimproverare a Di Maio se non “di non aver gestito con delicatezza il ‘dopo’ con poco mi avrebbe evitato momenti di difficoltà. Stando con lui mi sono ritrovata da un giorno all’altro in pasto ai giornali, ai fotografi, anche ad attacchi social. E lui mi ha sempre tutelata. Mi sarei aspettata lo facesse anche dopo la rottura, chiarendo che non c’era più motivo perché la gente mi associasse a lui e che dovevo essere lasciata in pace”.