Silvia Piani, assessore Lega, e il post sui migranti e la multa per la mascherina

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Ottobre 2020 8:42 | Ultimo aggiornamento: 15 Ottobre 2020 8:42
Silvia Piani, assessore Lega in Lombardia, e il post sui migranti e la multa per la mascherina

Silvia Piani, assessore Lega, e il post sui migranti e la multa per la mascherina (Foto Ansa)

Silvia Piani della Lega, assessore della Lombardia alla Famiglia, condivide un post che ironizza su misure anti Covid e migranti.

E’ polemica in Lombardia per il post dell’assessore Silvia Piani su Coronavirus, mascherine e migranti. Piani (della Lega) ha condiviso un’immagine che raffigura un barcone pieno di migranti e la frase “Dimentichi la mascherina: 1.000 euro di multa. Arrivi con il barcone: vitto, alloggio e ricarica telefonica”.

M5s Lombardia contro il post dell’assessore Silvia Piani

Un “post vergognoso” secondo il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Lombardia Gregorio Mammì. “Silvia Piani – sottolinea – non è un assessore qualunque, ma è l’assessore alle politiche per la famiglia, genitorialità e pari opportunità e questa è la becera propaganda che ha voluto fare sul suo profilo istituzionale. Il vuoto cosmico che ruota attorno alle politiche per la famiglia, genitorialità è pari opportunità è palese, e se ne capisce agevolmente la ragione”.

Per Mammì, “in questo momento in cui le famiglie devono affrontare situazioni molto particolari fra classi in quarantena, tamponi, permessi lavorativi, isolamenti e relativi disagi economici l’unico messaggio che la nostra Assessora si sente di condividere è un messaggio filo-negazionista e che puzza del più vergognoso razzismo”. 

La Lega difende l’assessore Piani

“L’unico vuoto cosmico con il quale i lombardi e gli italiani sono alle prese è quello del governo Conte. Che impone restrizioni senza tuttavia fornire sostegno ai lavoratori e alle imprese che stanno patendo una crisi economica senza precedenti. Le famiglie lombarde possono tirare un sospiro di sollievo solo grazie alle misure economiche varate da Regione Lombardia. Oltre la Regione, c’è il nulla”. Così il capogruppo della Lega in Regione Lombardia, Roberto Anelli, risponde alle critiche del consigliere M5S Gregorio Mammì.

“Da aprile ad oggi sono stati stanziati in tutto ben 57,5 milioni di euro per interventi a sostegno della famiglia nel periodo dell’emergenza Covid. Fondi messi a disposizione quindi fin dai primi mesi dell’emergenza, ben prima e più di quanto mai fatto dal governo centrale” ricorda Anelli. “Direi che le polemiche hanno senso solo se siano fondate ma quando sono basate su notizie inesistenti, anzi opposte alla realtà, sarebbe meglio che si stesse zitti”, conclude. (Fonti: Ansa e Facebook)