Sondaggi: M5S resta primo partito, nullo l’effetto rimborsopoli. Giù il Pd

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 febbraio 2018 11:13 | Ultimo aggiornamento: 15 febbraio 2018 11:14
Rimborsopoli M5S? Per i sondaggi come nulla fosse, resta primo partito

Sondaggi: M5S resta primo partito, nullo l’effetto rimborsopoli. Giù il Pd

ROMA – Il caso dei rimborsi non versati dai parlamentari 5 Stelle (per statuto devono devolvere metà della parte fissa dello stipendio a un fondo di solidarietà) sembra non aver incrinato la fiducia dei suoi elettori: i sondaggi – quelli del 12 febbraio quando lo scandalo era appena esploso – dicono che M5S resta saldamente il primo partito nelle intenzioni di voto con il 27%.

Per Euromedia Research, dall’ultima rilevazione ha perso un trascurabile 0,2%, secondo l’Istituto Piepoli (entrambi i sondaggi sono stati diffusi nell’ultima puntata di Porta a Porta) il calo è più marcato,ma circoscritto a mezzo punto percentuale. Diversamente, continua a calare il Pd: secondo Euromedia, perde l’1,4% in due settimane (scontando l’effetto del delitto di Macerata) attestandosi al 22,4%, Piepoli registra un calo più contenuto con il partito di Renzi al 25%.

Il centrodestra si conferma la coalizione con più chance di ottenere il premio di maggioranza: per Euromedia è al 38,6% (+0,2%), per Piepoli al 36,5% ma su un trend di crescita costante.

Nella coalizione di centrosinistra in calo anche Civica Popolare (0,5%) e Insieme (0,7% per Euromedia, 1% per Piepoli). Cresce invece +Europa con Bonino che secondo entrambi i sondaggi arriverebbe almeno al 2%. Ma in generale per Euromedia la coalizione di centrosinistra sarebbe ora sotto al M5s, fermandosi al 26% dei voti. Per l’istituto Piepoli invece il centrosinistra a guida Pd sarebbe al 29,3%. (Fanpage.it)