Sondaggi: Pd e Pdl volano. M5s collassa: pesano epurazioni e pochi risultati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Giugno 2013 10:15 | Ultimo aggiornamento: 30 Giugno 2013 10:16

Sondaggi: Pd e Pdl volano. M5s collassa: pesa poca democrazia e pochi risultatiROMA – Sondaggi: Pd e Pdl sono in ascesa, il Movimento 5 stelle al collasso. Come fa giustamente notare La Stampa, il potere logora chi non ce l’ha (come diceva Giulio Andreotti).

Fabio Martini sul quotidiano di Torino fa notare come i due principali partiti della coalizione di governo abbiamo riconquistato voti dopo l’avvenuto “inciucio” e come invece i 5 stelle, che erano partiti benissimo, stiano tracollando, zavorrati da poca democrazia e nessun risultato effettivo.

 

 Pd. La parabola del Pd è quella più eclatante. Subito dopo le elezioni, e il tentativo fallito di Pier Luigi Bersani di fare un governo di minoranza il Pd era dato al 25,5% per la Swg, al 28,5% per la Ipsos, quindi stabile o addirittura in ascesa. Il tracollo ci fu quando i Democratici iniziarono a dividersi sull’elezione del presidente della Repubblica: la Ipsos lo diede tonfato al 24,7%. Poi fu la volta del governo di coalizione con Enrico Letta e il Pd si riprese, risalendo al 26,5%. Poi il boom con la segreteria di Epifani, schierato decisamente in sostegno del governo: arriva fino al 29,3%, ultimo dato rilevato dalla Ipsos, dunque un 3,9% in più rispetto al risultato reale delle elezioni.

 Pdl. Meno eclatante ma pur sempre sorprendente la parabola del Pdl. Il partito di Silvio Berlusconi, dopo essere arrivato terzo alle politiche sorprendendo un po’ tutti, ai primi di aprile sale ancora fino al 24,8%. Subito dopo l’elezione di Napolitano e la fiducia a Letta, il Pdl “vola”: nella rilevazione del 7 maggio, la Ipsos quota il partito del Cavaliere al 30%.

M5s. Il partito di Beppe Grillo era partito benissimo, addirittura arrivando secondo alle politiche. Poi sono arrivate le epurazioni interne e pochi risultati in Parlamento che dai primi di giugno finiscono per produrre un collasso secco dei consensi che non sembra ancora essersi arrestato.