Sondaggio Conte 2: piace a giovanissimi e ceti medi. Il Pd guadagna un punto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Settembre 2019 9:27 | Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2019 9:27
Conte 2: piace ai giovanissimi. Sondaggio Swg

Il premier Giuseppe Conte (Ansa)

ROMA – Il governo Conte 2 è apprezzato maggiormente dai giovanissimi rispetto alle fasce di età superiori, mentre a livello sociale lo è di più dai ceti medi e molto meno da quelli svantaggiati. E’ quanto emerge da un sondaggio di Swg. Alla domanda se il governo Conte 2 sia “una soluzione positiva” per l’Italia, solo il 31% degli intervistati risponde positivamente. Tuttavia questa percentuale sale al 48% tra i ceti medi, mentre è il 27% tra i “ceti in difficoltà” i il 20% tra i “ceti poveri”.

Analizzando poi le risposta per fasce di età, la cosiddetta Generazione Z (i nati tra il 1996 in poi) risponde positivamente alla domanda per il 48%. Leggermente superiore alla media i sì dei babybomers (nati tra il 1946 e il 1964), con il 33%, mentre sotto la media è il giudizio positivo dei Millennials (1980-1996), con il 23% e della generazione precedente (nati tra il 1965 e il 1980) con il 29%. Il sondaggio è stato effettuato tra il 4 e il 9 settembre con metodo Cati-Cami-Cawi su un campione rappresentativo nazionale di 1.500 soggetti maggiorenni.

Nuovo governo, il Pd (22,1%) guadagna un punto

E’ il Pd il maggior beneficiario della definizione della squadra di governo in termini di consenso. Il partito di Nicola Zingaretti guadagna infatti un punto rispetto alla settimana precedente, mentre per gli altri partiti si registrano variazioni leggere, tranne un ulteriore cedimento di un punto per Fi (sondaggio Swg). La Lega si conferma prima partito con il 33,4%, ma con uno 0,2% in meno rispetto al 2 settembre, cioè prima che nascesse formalmente il governo Conte 2 e se ne conoscessero i ministri.

Il Pd è al 22,1% (+1%) e M5s al 21,0% (-0,4%). Fdi sale di 3 decimali dal 6,9% al 7,2%, mentre Fi cala dal 6,2% al 5,2%. Per quanto riguarda gli altri partiti +Europa è al 2,6% (-0,4%), Leu al 2,3% (0,4%), così come Cambiamo di Giovanni Toti, precedentemente non rilevato. Infine i Verdi sono al 2,2% (-0,2%). Il sondaggio è stato effettuato ra il 4 e il 9 settembre con metodo Cati-Cami-Cawi su un campione rappresentativo nazionale di 1.500 soggetti maggiorenni. (fonte Ansa)