Sondaggio Emg: cresce il Pdl, cala il Pd. Ma vincono gli astensionisti

Pubblicato il 27 Febbraio 2012 20:51 | Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio 2012 20:51

Mario Motni (Foto LaPresse)

ROMA – Se si votasse oggi due sarebbero i vincitori: Mario Monti e la sua coalizione, e l’astensionismo. E’ il quadro dell’Italia politica tracciato dal sondaggio condotto da Emg per La7. Ben il 34,5 per cento degli italiani, infatti, non andrebbe a votare, mentre il 12,5 per cento non sa ancora per chi voterebbe e il 3,3 voterebbe scheda bianca.

Tra gli schieramenti politici, il Popolo delle Libertà guadagna un punto percentuale, passando al 23,4 per cento, mentre la Lega Nord perde lo 0,5 per cento, attestandosi al 10,6 per cento. Crescono invece Unione di Centro, che guadagna uno 0,1 e si porta al 7,7 per cento, e cresce sempre di uno 0,1 per cento anche Futuro e Libertà, che arriva al 3,5 per cento.

Nel centrosinistra il Partito democratico perde lo 0,3 per cento, scendendo al 26,1 per cento, e perde anche Sinistra, Ecologia e Libertà, che passa dal 7,1 al 6,9 per cento. Stabile al 7,3 per cento l’Italia dei Valori.

Chi guadagna molto è il Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo, che cresce dello 0,4 per cento, arrivando a quota 4,6 per cento.

A livello di coalizioni, quella al governo oggi otterrebbe il 52,4 per cento dei voti, in crescita dello 0,6, e una coalizione di sinistra otterrebbe il 22,3 per cento, con un calo dello 04, per cento.