Elezioni, Di Maio il più vicino a Renzi nel ballottaggio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Settembre 2015 17:01 | Ultimo aggiornamento: 8 Settembre 2015 17:32
Sondaggio: Luigi Di Maio unico che mette in difficoltà Renzi

Sondaggio: Luigi Di Maio unico che mette in difficoltà Renzi

ROMA – Primavera del 2016 o del 2017 o 2018. In Italia si vota, si vota con l’Italicum che prevede che se nessuno prende  il 40% al primo turno, di turno se ne fa un altro. Al secondo turno che succederebbe se quella primavera fosse oggi? Sarebbe uno spareggio. Ecco gli spareggi possibili:

  • Renzi contro Berlusconi: 60 a 40.
  • Renzi contro Salvini: 58 a 42.
  • Renzi contro Grillo: 55 a 45
  • Renzi contro Di Maio: 54 a 46.

E’ lo scenario che fotografa l’istituto Piepoli in un sondaggio. E’ Luigi Di Maio, M5S, l’unico leader che potrebbe, al momento, creare qualche grattacapo al Pd di Renzi.

Il sondaggio in questione arriva a pochi giorni dall’ultima rilevazione dell’Istituto Piepoli secondo cui, in un ipotetico voto oggi, il M5s arriverebbe al ballottaggio in tutti e 4 gli scenari di alleanze ipotizzati.

I numeri del sondaggio di oggi dicono: Pd in testa con il 33% (+0,5%) seguito dal M5s con il 25,5% e dalla Lega con il 15%, sempre avanti a Forza Italia che raccoglierebbe il 10%. Questi i risultati sulle intenzioni di voto al 7 settembre che vedono anche risultati diversi nel caso in cui al ballottaggio arrivassero a sfidare Renzi, Salvini o Di Maio anzichè Berlusconi o Grillo.

Al secondo turno l’istituto Piepoli ha infatti valutato i diversi scenari ipotetici in cui il Pd si verrebbe a trovare nel caso dovesse sfidare o il centrodestra o i 5 Stelle. Nel primo caso, se sfidasse Fi con Berlusconi leader il Pd prenderebbe il 60%, Fi il 40%; contro Salvini il Pd scenderebbe leggermente al 58% e la Lega prenderebbe il 42%.

Con avversario il M5s invece il Pd scenderebbe al 55% con Grillo al 45% e al 54% con Di Maio candidato premier (che prenderebbe il 46%). In tutti casi la quota degli indecisi è ancora all’11% (al 12% nel caso della sfida Renzi-Salvini), una percentuale che potrebbe rivelarsi decisiva.