Sondaggio Swg La7: Fratelli d’Italia e Lega su, Pd e M5s giù. Calenda supera Renzi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Giugno 2020 11:27 | Ultimo aggiornamento: 9 Giugno 2020 11:30
Sondaggio Swg La7 8 giugno: Fratelli d'Italia e Lega su, Pd e M5s giù. Calenda supera Renzi

Sondaggio Swg La7: Fratelli d’Italia e Lega su, Pd e M5s giù. Calenda supera Renzi

ROMA – Sondaggio Swg per il Tg La7: il partito che guadagna di più è Fratelli d’Italia. Bene anche la Lega, male Pd e Movimento 5 Stelle.

La Lega guadagna lo 0,3% e sale al 27,3%, allungando rispetto al Partito Democratico che cede lo 0,4% e scende al 19,1%. Il M5s scende dal 16% al 15,8%, mentre Fratelli d’Italia avanza dal 13,9% al 14,4% guadagnando lo 0,5%.

Perde terreno Forza Italia (dal 6% al 5,6%) mentre Sinistra italiana passa dal 3,7% al 4%. Significativo il sorpasso di Azione (di Carlo Calenda), che sale dal 2,8% al 3%, e scavalca Italia Viva (di Matteo Renzi), scesa dal 3% al 2,7%.

Male infine il gradimento per i gilet arancioni di Antonio Pappalardo, le cui recenti manifestazioni sono state bocciate dal 79% degli italiani.

Sondaggio prima settimana di giugno

La prima settimana di giugno, secondo la Supermedia YouTrend dei sondaggi sulle intenzioni di voto, gli eventi degli ultimi mesi continuano ad avere un effetto negativo sulla Lega di Matteo Salvini, che questa settimana scende di un soffio sotto il 26% perdendo mezzo punto nelle ultime settimane.

Tuttavia, il partito che fa registrare il calo più consistente è proprio il primo degli inseguitori della Lega, ossia il Partito Democratico che si attesta al 20,4% perdendo lo 0,6%.

Risale invece sopra il 16% il Movimento 5 Stelle, i cui consensi nelle ultime settimane paiono piuttosto fluttuanti, mentre si conferma ancora una volta la tendenza positiva per Fratelli d’Italia, che sale al 14,6% (+0,3% in due settimane).

Tra i partiti minori, il dato è positivo anche per Forza Italia (+0,5%) e per Azione di Carlo Calenda (+0,4%) mentre calano leggermente Italia Viva e la sinistra (-0,2% per entrambi). (Fonti: Adnkronos e Agi)