Spending review, Senato: “Sì alla certificazione dei crediti delle imprese”

Pubblicato il 6 Giugno 2012 13:09 | Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2012 13:42

ROMA – L’emendamento sulla certificazione dei crediti delle imprese verso le Pubbliche Amministrazioni è stato approvato dal Senato. nell’emendamento rientrano anche le Regioni sottoposte a piani di rientro da extra-deficit nella sanità. I crediti verso lo Stato potranno essere compensati sulle cartelle esattoriali.

L’emendamento, che era stato gia’ approvato la scorsa settimana dalle commissioni Bilancio e affari Costituzionali, introduce a carico delle Aziende del Sistema sanitario nazionale l’obbligo di certificazione dei crediti su istanza del creditore. In base a una legge del 2009 questi Enti erano esclusi dalla possibilita’ di certificare. Quindi l’imprenditore, potra’ cedere alle banche i propri crediti, che hanno ora la garanzia dello Stato, ottenendo cosi’ liquidita’.

E la certificazione arriva anche per i crediti vantati verso le Regioni sottoposte a piano di rientro da extra-deficit nella sanita’, articolato in un programma di pagamenti pluriennale. Scattera’ la Garanzia dell’apposito Fondo del ministero dello Sviluppo per quei titoli di credito il cui pagamento e’ previsto oltre l’anno. Anche questo meccanismo, ha sottolineato il relatore Gilberto Pichetto Fratin (Pdl) e’ finalizzato a favorire l’accesso al credito dell’impresa.