Strage Via D’Amelio/ Il Copasir indagherà sul ruolo dei servizi segreti nella morte di Paolo Borsellino. Rutelli: “Berlusconi venga all’audizione”

Pubblicato il 31 Luglio 2009 12:29 | Ultimo aggiornamento: 31 Luglio 2009 13:19
TO210409STO_0010

La strage di Via D'Amelio del 19 luglio 1992

Il Copasir, Comitato di controllo sull’attività dei Servizi segreti presieduto da Francesco Rutelli, indagherà sul ruolo dei servizi segreti nella strage di Via D’Amelio del 1992, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e la sua scorta.

Il Copasir, infatti, ha chiesto gli atti del processo per quella strage e si occuperà delle novità che stanno emergendo dall’inchiesta della Procura di Caltanissetta.

Ad annunciare questa novità è stato il presidente del Copasir, Francesco Rutelli, sottolineando di aver già incontrato il presidente della Commissione Antimafia Giuseppe Pisanu per coordinare i lavori.

«Ho parlato con il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari – ha spiegato Rutelli – e ho concordato che una volta completata l’analisi della documentazione che ha nei suoi uffici, per la quale ci vorranno alcune settimane, tutte le eventuali informazioni riguardanti nel passato funzionari dei Servizi segreti, saranno oggetto di una sua informativa e di una sua audizione al Copasir».

Infine Francesco Rutelli ha rinnovato l’invito al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, a partecipare ad una riunione del Copasir per indicare le linee in cui si deve muovere il lavoro dell’intellingence. Rutelli ha detto che già in passato il presidente del Consiglio è stato più volte invitato : «Non ha trovato il modo di venire -ha detto Rutelli – ma è necessario che venga perchè la legge gli affida competenze particolari».