Strage di Viareggio, Matteoli “sgradito” ai familiari delle vittime: “Non verrò alla commemorazione”

Pubblicato il 28 Giugno 2010 12:06 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2010 12:16

Altero Matteoli

I viareggini hanno fatto sapere di non gradire la sua presenza e il ministro Matteoli salterà la commemorazione per le vittime della strage. Il ministro delle Infrastrutture non parteciperà dunque alle cerimonie per ricordare la strage causata dal disastro ferroviario alla stazione cittadina del 29 giugno 2009. Fino ad oggi sono morte 32 persone.

Matteoli ha preso questa decisione dopo aver saputo che i Comitati dei familiari delle vittime avevano definito la sua presenza e quella eventuale dei rappresentanti delle Ferrovie ”sgradita”. Il ministro ha scritto al sindaco Luca Lunardini: ”Avevo accolto volentieri il suo invito alla giornata commemorativa che si tiene domani a Viareggio in occasione del primo anniversario del disastro ferroviario che causò 32 morti, numerosi feriti, danni e distruzioni. E doverosamente era mia intenzione parteciparvi in rappresentanza del Governo. Mio malgrado e pur con la coscienza assolutamente tranquilla riguardo ai rilievi che mi vengono mossi, devo tener conto dell’avviso contrario alla mia presenza manifestato da un comitato, seppur minoritario, delle famiglie delle vittime e, pertanto, non sarò presente, nel rispetto di tale valutazione”.

I comitati dei familiari delle vittime sono critici nei confronti del ministro perché lo ritengono ”un sostenitore dell’ ad di Ferrovie Mauro Moretti”, primo bersaglio delle loro critiche. ”Non voglio essere motivo di divisione né di turbamento – ha detto Matteoli – in un momento in cui devono prevalere i sentimenti di solidarietà per il dolore delle famiglie delle vittime ed il rispetto per il ricordo di chi ha perso la vita”.