Susanna Camusso contro Renzi: “Tweet e televoto non bastano. Ci sottovaluta”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 marzo 2014 15:57 | Ultimo aggiornamento: 7 marzo 2014 16:03
susanna camusso

Susanna Camusso (foto LaPresse)

ROMA – Il Jobs Act non è ancora stato presentato eppure Susanna Camusso e Matteo Renzi continuano a pungersi. In ordine di tempo l’ultimo attacco arriva dalla segretaria Cgil che affonda:

“Il televoto e il tweet non possono sostituire la partecipazione dei lavoratori e la democrazia. Credo che questo governo sottovaluti molto il rapporto con le parti sociali e abbia un’idea della rappresentanza che è più fatta di presenze individuali che non della funzione sociale della rappresentanza”.

Perplessità della Camusso anche sul piano lavoro in arrivo:

“Per definizione aspettiamo con ansia una proposta del governo perché è importante e può determinare anche delle risposte. Speriamo di non venire delusi da uno schema di ragionamento che si ferma alle regole e non guarda invece a come creare eguaglianza e posti di lavoro”.  

Ma perché l’attacco proprio su Twitter. Forse perché poco prima, proprio sul social dei cinguettii Renzi aveva così risposto a chi gli chiedeva se fosse diventato un iscritto Cgil:

Tranquillo, Gaetano, è un rischio che non corro! Né io né la Cgil..

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other