Tagli alle auto blu, arrivano i “buoni taxi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Dicembre 2014 11:23 | Ultimo aggiornamento: 18 Dicembre 2014 11:23
Tagli alle auto blu, arrivano i "buoni taxi"

(Foto Lapresse)

ROMA – Il governo Renzi taglia le auto blu e dà i buoni taxi. Il decreto è diventato legge, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Via libera, quindi, alla dismissione delle macchine in eccesso: verranno vendute o cedute a titolo gratuito alle organizzazioni di utilità sociale (le Onlus) che prestano servizi di assistenza sociale e sanitaria.

I nuovi tetti per le auto blu prevedono una sola vettura per le amministrazioni statali con meno di 50 dipendenti, due auto per quelle che hanno tra i 51 e i 200 addetti, tre vetture per le amministrazioni che hanno tra i 200 e i 400 dipendenti e poi dai tre ai cinque veicoli per quelle con oltre 600 lavoratori. Le auto blu, inoltre, potranno essere usate solo per gli spostamenti per ragioni di servizio, e non per quelli tra casa e luogo di lavoro.

Deroghe sono previste solo per il premier e per i vertici del Governo: in aggiunta ai limiti fissati potrà essere assegnata un’ulteriore auto, in uso esclusivo e limitatamente al periodo di durata dell’incarico, al Presidente del Consiglio dei ministri e ai Ministri.

Il decreto, al momento, prevede limiti solo per le amministrazioni statali, comprese le strutture di cui si avvale ciascun Ministro senza portafoglio, le Forze di polizia le Forze armate, le Agenzie governative nazionali. Le Regioni e gli enti locali dovranno comunque adeguare i propri ordinamenti a quanto previsto.