Tagli alle Regioni: il governo del “vorrei ma non posso”

Pubblicato il 4 ottobre 2012 11:44 | Ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2012 11:45

Mario Monti e Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni

ROMA – “Tagliamo i consiglieri”. Ma dovevano farlo già un anno fa e ora, forse, se ne parlerà ma a partire dal 2013. Ovvero dopo le elezioni in Sicilia e Lazio. “Tagliamo lo stipendio a giunta, consiglio e presidente: massimo 6mila euro”. Ma sempre che le Regioni recepiscano la novità: ovvero firmino per autolimitarsi. “Riduciamo i fondi ai gruppi”: si passa da 40 centesimi per abitante a 20 e sui “monogruppi”, quelli con un singolo consigliere, a quanto pare non ci si può far nulla. E’ il capitolo “tagli alle Regioni” quello che affronta il Consiglio dei ministri di giovedì 4 ottobre. Un capitolo che si può ribattezzare “vorrei ma non posso”: vorrei tagliare in maniera più incisiva ma, per logiche politiche e di opportunità, per pressioni varie, non posso.

Come la riduzione dei Consigli regionali. Oggi, a voce, tutti la auspicano. Ma era stata decisa, nero su bianco, da un decreto dell’ex ministro Tremonti. Parliamo del 2011. Decreto però inattuato da quasi tutte le Regioni a statuto ordinario. Che, evidentemente, hanno fatto finta di nulla. Con il decreto di oggi il governo intende limare i Consigli regionali: in Sicilia da 90 a 70 consiglieri, in Sardegna da 80 a 60, in Friuli da 59 a 49. Ma il tutto a partire dal 2013: Sicilia e Lazio, le prossime Regioni al voto, possono stare tranquille.

Assessori, consiglieri e presidente di Regione devono avere meno di stipendio: un’unica indennità onnicomprensiva. Via diarie, rimborsi e altro che hanno consentito, ad esempio, a Franco Fiorito di arrivare ad avere 30mila euro al mese. L’indennità futura non dovrà superare l’85% del trattamento di un parlamentare. In Toscana, ad esempio, dove è attiva una norma simile, il presidente Enrico Rossi guadagna 6mila euro, i consiglieri 4800. Ma…la norma vale se la Regione la recepisce. E quindi quello che si legge sul decreto non è detto si tradurrà in “pratica praticata”.

Fondi ai gruppi. Si taglia sì, ma non quanto si dovrebbe e quanto si sperava. Ai gruppi politici regionali verrà riconosciuta una spesa di 20 centesimi ad abitante. Oggi sono 40. Niente da fare, a quanto pare, sull’abolizione dei “monogruppi”, quelli con un solo consigliere. Spetterà comunque alle Regioni, nei prossimi 20 giorni, modificare gli Statuti ed accogliere quanto contenuto nel decreto. Si vedrà.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other