Terremoto Emilia. Cisl: “No tassa sul rinnovo del permesso di soggiorno”

Pubblicato il 2 Luglio 2012 10:18 | Ultimo aggiornamento: 2 Luglio 2012 10:34

MODENA – Sopprimere, o almeno sospendere, la tassa per il rinnovo dei permessi di soggiorno degli stranieri residenti nelle province colpite dal terremoto. Lo chiedono la Cisl e l’Anolf (l’associazione degli immigrati della Cisl) di Modena, Bologna, Ferrara e Reggio, auspicando che ”il Ministero della Solidarieta’ sociale si faccia interprete di questo atto di giustizia e lo porti all’attenzione del governo”.

”Riteniamo che la situazione dei cittadini immigrati soggiornanti nelle zone interessate dal terremoto meriti un’ attenzione particolare – affermano Cisl e Anolf – A causa del sisma c’e’ chi ha perso la casa, il lavoro, i documenti. Gli stranieri non hanno reti parentali cui appoggiarsi; se la burocrazia e’ spesso un fardello pesante per i cittadini italiani, per gli immigrati rischia di essere un macigno”.

Cisl e Anolf aggiungono che, ”nonostante il raddoppio dei costi per il rilascio del permesso di soggiorno (da 80 a 200 euro), il servizio degli uffici immigrazione non e’ affatto migliorato; per esempio i tempi per il rilascio dei permessi si sono ulteriormente allungati”.