Tav e Toninelli, polemica con Berlusconi e Gasparri: “Sei scemo?”, “Grazie SIlvio”

di Marilena D'Elia
Pubblicato il 5 marzo 2019 6:02 | Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2019 20:44
Tav e Toninelli, polemica con Berlusconi e Gasparri (nella foto): "Sei scemo?", "Grazie SIlvio"

Tav e Toninelli, polemica con Berlusconi e Gasparri (nella foto): “Sei scemo?”, “Grazie SIlvio”

Tav e Toninelli fanno un tutt’uno e sono un simbolo del punto cui è arrivata l’Italia.

Per la Tav, solo il Parlamento può decidere sul futuro dell’opera, avverte il sen. Maurizio Gasparri. Quanto a Toninelli, aggiunge lo stesso Gasparri, “la sua incapacità crea solo danni”.

Spiega ancora: “La sceneggiata grillina sulla Tav non ha prospettive. Esiste un trattato internazionale che ha valore di legge e che vincola l’Italia agli impegni presi. Per non fare la Tav bisognerebbe cambiare con un voto del Parlamento quel trattato italo-francese. E non ci sono i numeri per farlo. È evidente a tutti.

“Si vada quindi in Parlamento per registrare questo fatto, se è necessario, così si eviterà di far proseguire ancora a lungo questo ridicolo balletto, che crea danni all’Italia, alla sua reputazione, alla nostra economia. La Tav si farà e i grillini verranno archiviati.

“Sarà il Parlamento, luogo della democrazia e della rappresentanza, se necessario, a confermare la illegalità delle proposte grilline e la mancanza di numeri per proporne altre, nell’unica sede che potrebbe democraticamente indicare un’altra via. Tav subito, parlino Camera e Senato e si mettano a tacere una volta per tutte gli scemi del villaggio”. 

La polemica fra Berlusconi e il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli dà ulteriore spunto a Gasparri:

“Quanto blatera @DaniloToninelli, @berlusconi ha usato termini fin troppo contenuti, per una persona la cui incapacità sta creando tragedie all’Italia #cacciamotoninellincapace basta grillini”.

All’origine ci sono alcune battute di Berlusconi su Tav e Toninelli. Parole dette a Potenza in apertura della campagna elettorale e riferite dalla Adn Kronos:

”E’ ridicolo quello che si vede… C’è Toninelli che dice ‘no, no, ma tanto tra sei mesi posso riprendere il via che ho dato…’ Ma come, dai il via a dei lavori, a delle spese importanti per il Paese, dai il via a delle spese nell’Europa e poi tra qualche mese dici ‘tolgo questo via’… Ma dove vivi, sei scemo?”.

E ancora Berlusconi:

“Mi hanno telefonato e mi hanno chiesto ‘questo governo cade sulla Tav?’ Ho telefonato a chi di dovere e mi hanno detto ‘no’, ma cadrà presto, saranno i fatti a farlo cadere.

“Saranno i fatti a farlo cadere, perché non si riesce quasi a credere che si debbano avere al governo i rappresentanti dei Cinque stelle. È qualcosa di incredibile. Un giorno mi hanno telefonato due colleghi europei del Partito popolare e mi hanno chiesto, ‘ma come avete fatto a mandare al governo delle persone del genere? Parlava di Toninelli e degli altri”. “Non è colpa mia, ho risposto. Io non li ho votati”.

Ed ecco la replica di Toninelli, rilanciata dall’Agi:

“Le parole del pregiudicato di Arcore sono come medaglie per me” ha scritto su Twitter il ministro  Toninelli, postando una foto di Silvio Berlusconi con la scritta “Ma sei scemo? Berlusconi contro Toninelli”. “Ricordo solo gli scempi delle sue leggi ad personam e del Parlamento costretto a votare sulla ‘nipote di Mubarak’. Un periodo in cui l’Italia era zimbello d’Europa. Grazie Silvio, hai già fatto abbastanza”.