Terra dei Fuochi, Luigi Zanda: “Decreto è punto fermo contro le mafie”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 febbraio 2014 21:03 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2014 21:04
Terra dei Fuochi, Luigi Zanda: "Decreto è punto fermo contro le mafie"

Luigi Zanda (Foto Lapresse)

ROMA – Il capogruppo dei senatori del Pd, Luigi Zanda, festeggia l’approvazione del decreto legge sulla Terra dei Fuochi e l’Ilva, grazie al quale bruciare i rifiuti diventa un reato.

“L’approvazione in via definitiva del Decreto legge emergenze ambientali è un’ottima notizia per l’Italia e, in particolare, per le aree più martoriate del nostro Paese”,

sottolinea Zanda in una nota.

“Il provvedimento prevede misure che pongono concrete fondamenta per la soluzione di questioni drammatiche, a partire dall’Ilva e dalla Terra dei fuochi, coniugando la salvaguardia della salute dei cittadini e la tutela ambientale con l’esigenze di produttività dei territori interessati. In particolare l’introduzione nel nostro codice penale del reato di combustione illecita è un punto fermo nel contrasto alle attività della criminalità organizzata che hanno sfinito molte aree del Mezzogiorno”.