Terremoto in Abruzzo, Berlusconi: “Mantenute promesse”

Pubblicato il 9 Novembre 2010 19:11 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2010 19:36

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi torna in Abruzzo e dice: abbiamo mantenuto le promesse. ”Qui c’è stata una prova dolorosa – ha detto il Cavaliere nel corso della cerimonia all’Aquila per la consegna delle onorificenze alle componenti del sistema di protezione civile –  promisi che il governo sarebbe stato vicino all’Abruzzo e credo che abbia mantenuto la parola”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

Il premier ha ricordato che per rispondere all’emergenza sono stati messi a disposizione 14 miliardi e 767 milioni che hanno consentito di fare ”interventi immediati” e di ”costruire case in tempi mai visti al mondo”. Di questi fondi, ha aggiunto il Cavaliere, ci sono oggi disponibili per i sindaci dei comuni del cratere e per il commissario Chiodi 3 miliardi e 48 milioni.

”Lo Stato ha fatto il proprio dovere – ha ribadito Berlusconi – mettendo a disposizione i fondi: ora tocca alle istituzioni locali”. Il premier, infine, ha sottolineato piu’ volte come tutta l’Italia sia stata vicina agli abruzzesi e abbia dato il proprio contributo durante l’emergenza. ”Credo di aver degnamente rappresentato il popolo italiano, che si e’ stretto attorno a voi – ha concluso – e credo che queste cose facciano bene alla nazione”.