Terrorismo, Luigi Zanda: “Serve una politica europea unitaria”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Maggio 2015 14:05 | Ultimo aggiornamento: 8 Maggio 2015 14:06
Terrorismo, Luigi Zanda: "Serve politica europea unitaria"

Luigi Zanda (Foto Lapresse)

ROMA – Contro il terrorismo serve una politica europea unitaria, che però manca: lo ha sottolineato il capogruppo del Pd al Senato, Luigi Zanda, introducendo il convegno promosso dai senatori democratici e dall’Ispi su “Italia e la minaccia jihadista. Quale politica estera?”.

“Apprezzo la definizione di Papa Francesco di una nuova guerra mondiale a pezzi. Ma credo abbia trascurato di definire un aspetto che caratterizza il fenomeno: lo specialissimo terrorismo globale fa di questa guerra mondiale a pezzi un’inedito diversissimo da tutte le nostre precedenti esperienze e conoscenze. È una guerra mondiale a pezzi portata avanti con modalità operative molto varie: dall‘attentato individuale al terrorismo diffuso in Afghanistan e Siria, dai rastrellamenti fino ai rapimenti e alle violenze di Boko Haram”.

Per Zanda l’Italia non è un “obiettivo diretto” della minaccia Jihadista ma certo la “sua collocazione geografica, la presenza del Vaticano” e altri fattori espongono l’Italia a rischi. Quale politica di fondo deve attuare?

“Certamente investimenti in intelligence, in forze polizia e prevenzione. Fare un grande lavoro d’indagine, di attenzione al fenomeno generale e alle sue ramificazioni. Ma la politica è la carta vincente. eppure c’è un’assenza costante sull’analisi di lotta a terrorismo jihadista e non solo. E’ l’assenza di interlocuzione europea unitaria. E’ un’assenza molto preoccupante, non solo in se stessa ma per le condizioni politiche che fanno dell’Europa un soggetto assente. Nella lotta al terrorismo e nel tentativo di contenerlo e di regolare il fenomeno migratorio. Nella gestione dei processi globali e della crisi economica. Trovo sorprendente e pericoloso che nemmeno si parli più di unione politica europea. Sapendo che a tutti i grandi fenomeni che oggi preoccupano il nostro continente, soltanto un’Europa unita politicamente può dare risposta efficace”.