Torino, il sindaco Chiamparino sospende la costruzione della tendopoli all’arena RocK

Pubblicato il 1 Aprile 2011 14:41 | Ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2011 14:41

TORINO – In Piemonte scoppia la polemica sui 1500 immigrati che dovrebbero essere ospitati nelle tendopoli. Il sindaco di Torino Sergio Chiamparino ritira la disponibilità ad utilizzare l’Arena RocK, l’area alle spalle del vecchio stadio delle Alpi: “Ho scritto al ministro e al prefetto – dice – ritirando la disponibilità ad utilizzare l’Arena Rock fino a martedì. Diffido il ministro dal prendere qualsiasi iniziativa dopo avere appreso che si stanno montando tendopoli laddove c’è disponibilità.E’ evidente la malafede del ministro che non mi ha neppure risposto al telefono”.

Da Bruxelles dove era in corso la riunione del Comitato delle Regioni, il sindaco di Torino in mattinata fa sapere di aver bloccato la costruzione del campo ed ha chiesto di aspettare fino a martedì:  “Ho chiesto che venga immediatamente sospeso – afferma Chiamparino- e in ogni caso non ci sarà alcuna collaborazione da parte del Comune almeno fino a martedì fino a quando non ci sarà chiarezza”.

Poi all’ora di pranzo una telefonata di chiarimento tra sindaco e Viminale: “Con il ministro dell’Interno Roberto Maroni ci siamo sentiti telefonicamente poco fa: abbiamo chiarito che lo stesso ministro non ha agito in malafede prendendo iniziative a nostra insaputa”.Nel colloquio telefonico con il ministro dell’Interno, Chiamparino ha ricordato che l’Anci “si è sempre detta contraria alla concentrazioni massicce di persone in pochi siti e che sarebbe stata auspicabile una verifica con i territori per una equilibrata distribuzione all’interno di un piano nazionale (che non è stato possibile condividere), prima degli eventuali insediamenti”.

“Bisogna quindi capire – esorta il sindaco – se si tratta di persone che vengono considerate rifugiati oppure clandestini. E questo non è un dettaglio, avendo il Presidente della Regione Roberto Cota affermato che in Piemonte sarebbero arrivati solo rifugiati. Di fronte a questa sua decisione, è chiaro che per il Comune di Torino sarebbe impossibile l’insediamento di situazioni diverse. Il ministro Maroni ha preso quindi atto della sospensione della nostra disponibilità, almeno fino alla prossima riunione della Cabina di Regia, prevista per martedi”.

Ecco le foto della tendopoli in allestimento all’arena RocK (foto La Presse):