Elezioni a Torino, la contromossa del Pdl: propone lista civica a Francesco Profumo

Pubblicato il 29 Novembre 2010 20:02 | Ultimo aggiornamento: 29 Novembre 2010 21:04

Proprio all’indomani della rinuncia di Francesco Profumo a presentarsi alle comunali di Torino con il Pd, è il Pdl a provare la contromossa: ha proposto al Rettore del Politecnico di Toirno di guidare una lista civica. ”Noi – ha detto in serata il vicecoordinatore regionale del Piemonte del Pdl, Agostino Ghiglia – abbiamo grande stima di Francesco Profumo. Per questo chiediamo la sua disponibilita’ a guidare una lista civica delle intelligenze, trasversale ai partiti, per un grande progetto per la Torino del 2020, in modo da garantire alla citta’ il futuro che merita”.

”La mia – ha aggiunto Ghiglia – non e’ una provocazione: noi abbiamo a cuore il futuro di Torino, quindi se siamo d’accordo sul programma, non dobbiamo farci dividere dalle ideologie”. Per quanto riguarda il Pd, Ghiglia ha detto che ”e’ chiaro ormai che il loro candidato a sindaco sara’ Piero Fassino e che il Pd fara’ delle primarie finte perche’ non possono farlo perdere. Torino – ha aggiunto – avra’ come candidato sindaco un vecchio comunista, portatore di ideali del passato, uno che ha la testa rivolta ai kolkhoz. In questo modo – ha affermato Ghiglia – la sinistra torna drammaticamente al passato”.

Secondo Ghiglia, Sergio Chiamparino ”e’ il ‘killer’ di Profumo: ha ancora la pistola fumante in mano. Il contributo del sindaco Chiamparino al dibattito – ha aggiunto – e’ stato di affossare la societa’ civile. Con Fassino, il Pd torna all’antico perche’ torna al partito; i democratici usano la societa’ civile e le intelligenze. Profumo e’ stato bistrattato come una badante senza contratto in maniera ignominiosa”. Ghiglia, infine, ha reso noto che a Toirno il Pdl fara’ le primarie on-line per la scelta del nome da candidare a Palazzo Civico. ”Sara’ il primo passo di partecipazione popolare. Torino – ha concluso – dovra’ diventare un futuro condiviso”.