Totoministri del Giornale: un Monti bis più politico (Cancellieri, Severino…)

Pubblicato il 23 Aprile 2013 13:38 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2013 14:57
Totoministri del Giornale: un Monti bis più politico (Cancellieri, Severino...)

Giuliano Amato

ROMA – Totoministri del Giornale: un Monti bis più politico (Cancellieri, Severino…). Visto da destra, secondo le previsioni de Il Giornale, l’esecutivo del presidente (consultazioni lampo tutte oggi), il “governissimo” degli auspici deve avere come primo ministro uno fra Amato e Grasso (meglio Grasso così libera una poltrona importante per il centrodestra) affiancato da tre vicepresidenti politici a tutto tondo (Angelino Alfano, Pdl, Mario Mauro Scelta Civica e Enrico Letta, Pd). Nelle caselle dei ministeri pesanti, tornano i protagonisti del governo Monti: lo stesso premier per gli Esteri, Severino alla Giustizia, Cancellieri all’Interno.

Fornero ha assicurato oggi (23 aprile) che una sua permanenza al governo è “impossibile”, da escludere nella maniera più assoluta. Anche perché, aggiungiamo noi, è diventata un facile bersaglio anche dei partiti maggiori che pure l’avevano votata dopo averle affidato la delega in bianco per le discusse riforme di lavoro e pensioni. Il Giornale presenta una coppia di nomi da affiancare ad ogni ministro. Vediamoli nel dettaglio.

Presidente del Consiglio: Giuliano Amato (tecnico) o Pietro Grasso (Pd)

Vice Presidente del Consiglio: Angelino Alfano (Pdl), Mario Mauro (Scelta Civica), Enrico Letta (Pd)

Economia: Fabrizio Saccomanni o Salvatore Rossi (entrambi Banca d’Italia)

Esteri: Massimo D’Alema (Pd) o Mario Monti (Scelta Civica)

Interni: Anna Maria Cancellieri

Giustizia: Luciano Violante (Pd) o Paola Severino (tecnico)

Riforme: Gaetano Quagliariello (Pdl)

Politiche Europee: Graziano Del Rio (Pd) o Enrico Giovannini (presidente Istat)

Istruzione. Mariastella Gelmini (Pdl), Alessandro Schiesaro ( Docente Sapienza nominato collaboratore dall’ex ministro Gelmini), Irene Tagli (Scelta Civica)

Sanità: Mauro Ferrari (scienziato, considerato il padre delle nano-tecnologie)

Lavoro: Stefano Fassina (Pd), Filippo Bubbico (saggio di Napolitano in quota Pd)