Stato-Mafia, giudici di Palermo parte civile? Giulietti e Vita: “Speriamo”

Pubblicato il 23 agosto 2012 19:05 | Ultimo aggiornamento: 23 agosto 2012 19:06
giudici

Foto Ansa

ROMA – Giudici di Palermo parte civile nei processi sulla trattativa Stato Mafia? L’idea piace a Giuseppe Giulietti, deputato del gruppo misto e portavoce di Articolo 21, e Vincenzo Vita, senatore del Pd.

I due parlamentari hanno così commentato la proposta dei “colleghi onorevoli” Fabio Granata e Angela Napoli (entrambi di Fli). Secondo Vita e Giulietti i due deputati, “esprimendo una doverosa solidarietà al lavoro difficile e prezioso svolto negli anni dalla Procura di Palermo, hanno anche chiesto al governo di costituirsi parte civile nel processi sulla trattativa tra stato e mafia. Ci sembra una richiesta giusta e da condividere e che, meglio di tante parole, testimonierebbe un impegno pieno e solidale dalle parte di chi, non da oggi, contrasta le mafie e i loro complici”.

”L’associazione Articolo21 – proseguono i due – nel sottoscrivere idealmente la proposta di Angela Napoli e Fabio Granata, si augura anche che il governo voglia annunciare la immediata approvazione delle norme contro la corruzione e il ritiro definitivo di qualsiasi cosa possa, sia pure lontanamente, richiamare le brutte norme gia’ contenute in tutte le precedenti ipotesi di ‘legge bavaglio”’.