Ucraina, prove di de-escalation Usa-Russia: Putin e Draghi al telefono, rassicurazioni sulle forniture di gas

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Febbraio 2022 - 17:53
ucraina draghi putin

Ucraina, Draghi e Putin al telefono (Ansa)

Ucraina, prove di de-escalation Usa-Russia: Putin e Draghi al telefono. Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov ha detto che nel loro colloquio il segretario di Stato americano Antony Blinken ha convenuto che possono essere avviati negoziati in merito alle garanzie di sicurezza chieste da Mosca. Lo riferisce l’agenzia Tass.

Lavrov ha smentito quanto affermato da un alto dirigente americano al Washington Post secondo il quale Mosca avrebbe già inviato una risposta scritta al documento presentato dagli Usa in merito alla sicurezza.

La Russia sta ancora completando le consultazioni tra i diversi organi dello Stato e quindi il fatto che Washington abbia detto di avere già ricevuto la risposta è dovuto ad un “equivoco”, ha detto il capo della diplomazia russa.

Putin-Draghi al telefono

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto stamattina una conversazione telefonica con il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin. Al centro dei colloqui vi sono stati gli ultimi sviluppi della crisi ucraina e le relazioni bilaterali.

Il Presidente Draghi ha sottolineato l’importanza di adoperarsi per una de-escalation delle tensioni alla luce delle gravi conseguenze che avrebbe un inasprimento della crisi ucraina. Sono stati concordati un impegno comune per una soluzione sostenibile e durevole della crisi e l’esigenza di ricostruire un clima di fiducia.

“Le forniture di gas non si fermeranno”

Nella telefonata con il premier Mario Draghi, il presidente russo Vladimir Putin ha confermato l’intenzione di Mosca di “continuare a sostenere stabili forniture di gas all’Italia”.

Nella conversazione “sono stati discussi alcuni temi dell’agenda bilaterale, in relazione in primo luogo alle interazioni commerciali ed economiche e alla sfera dell’energia”, sottolinea il servizio stampa del Cremlino. La stessa fonte aggiunge che Putin ha illustrato a Draghi le richieste avanzate agli Usa e alla Nato in materia di garanzie di sicurezza.