Umbria: Donatella Tesei presidente. Trionfo Salvini (37%), Pd e M5s insieme non vanno

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Ottobre 2019 6:40 | Ultimo aggiornamento: 28 Ottobre 2019 9:54
Elezioni Regionali Umbria: Donatella Tesei presidente. Trionfo Salvini (38%), Pd e M5s insieme non vanno

Nella foto Ansa, Salvini con il neo presidente dell’Umbria Donatella Tesei

ROMA – Donatella Tesei è il governatore dell’Umbria con il 57,55% dei voti, ma il dato politico è un altro: alla prima prova del voto, l’alleanza Pd-M5s non ha funzionato. Il candidato del centrodestra ha distaccato di circa 20 punti percentuali Vincenzo Bianconi, al 37,48%, sostenuto dalle forze (attuali) di governo Pd e M5s. E’ la vittoria, soprattutto, di Matteo Salvini: la sua Lega viaggia al 36,9%, a distanza ormai siderale da FI, che scende al 5,47, quasi doppiata da Fdi, al 10,4%. E mentre il Pd si attesta al 22,4%, è il crollo, soprattutto, del M5S: il Movimento piomba al 7,4%, quasi la metà dei voti presi in Umbria alle Europee. “E’ una lezione di democrazia, qualcuno a Roma avrà da riflettere”, gioisce, a Perugia, il leader leghista. Altissima l’affluenza, al 64,4%, nove punti in più rispetto al 2015, quando le elezioni confermarono alla presidenza della regione Catiuscia Marini (Pd), appoggiata da una coalizione di centrosinistra, con il 42,78% dei voti, contro lo sfidante del centrodestra Claudio Ricci al 39,27%. 

Percentuali ad una cifra per gli altri candidati: Claudio Ricci, sostenuto da Italia Civica e Proposta Umbria, ha ottenuto il 2,64%, Rossano Rubicondi (Partito Comunista) l’1,01%, Emiliano Camuzzi (Partito Comunista Italiano, Potere al Popolo), lo 0,87%, Martina Carletti (Riconquistare l’Italia) lo 0,21%, Antonio Pappalardo (Gilet arancioni) lo 0,13%, Giuseppe Cirillo (Partito delle Buone maniere) lo 0,10%.

Del resto, per queste Regionali ci hanno messo la faccia tutti i leader nazionali e, sul finale della campagna, anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, protagonista della foto di Narni con Luigi Di Maio, Nicola Zingaretti e Roberto Speranza. Una reunion che, evidentemente non ha pagato. “Il primo voto vero ha dimostrato che gli italiani non apprezzano il tradimento. Qualcuno al governo deve ritenersi abusivo già questa notte”, attacca Salvini bollando come un “omino” Conte per aver, a parere del leader della Lega, minimizzato l’importanza del voto in Umbria dicendo che non è un test per il governo. “Il centrodestra ha il diritto e il dovere di governare il Paese”, gli fa eco Silvio Berlusconi mentre Giorgia Meloni incalza: “fossi in Conte rassegnerei le dimissioni più velocemente della luce. Se avessero un po’ di dignità non arriverebbero a domattina”.

La sconfitta rischia di porre una pietra tombale sulla l’alleanza M5S-Pd. Il governo non è in discussione, e ciò viene ribadito sia dai Dem sia dal Movimento. Ma sulle Regionali 2020 la sensazione è che Di Maio voglia tornare all’antico, a cominciare da Emilia Romagna e Calabria. Anche perché l’alleanza con il Pd non ha pagato né per la coalizione di governo né per il Movimento che ha preso meno della metà dei voti dei Dem. “Il patto civico per l’Umbria lo abbiamo sempre considerato un laboratorio, ma l’esperimento non ha funzionato. E questa esperienza testimonia che potremo davvero rappresentare la terza via solo guardando oltre i due poli contrapposti”, si legge in un post del M5S su facebook che assicura, comunque, come al governo “si rispetteranno gli impegni”.

Ma il rischio è che già nelle prossime ore Di Maio torni nel mirino dei malpancisti, dagli ex ministri come Lezzi a Grillo a chi non ha mai digerito il Conte 2 a chi, infine, vorrebbe una rivoluzione nella leadership. E in Calabria ed Emilia-Romagna è molto difficile che il M5S accetti un nuovo patto con il Pd che vedeva, già prima dell’Umbria, un ampio scetticismo nella base e tra i parlamentari.

“E’ una sconfitta netta” ma il “risultato conferma, malgrado scissioni e disimpegni, il consenso delle forze che hanno dato vita all’alleanza”, è il commento di Zingaretti. Tradotto: rispetto alle Europee i Dem hanno tenuto e nonostante la scissione di Matteo Renzi che, per ora, non commenta la sconfitta. E Zingaretti frena anche le polemiche interne al governo, facendo implicito riferimento anche al M5S.

“Rifletteremo molto su questo voto e le scelte da fare, voto certo non aiutato dal caos di polemiche che ha accompagnato la manovra economica del Governo”, spiega il segretario Dem. Che, nelle prossime ore, potrebbe avere a che fare anche lui come Di Maio, con il malumore interno. “La sconfitta non ha ripercussioni sul governo ma impone una riflessione sulle alleanze”, spiega Andrea Marcucci. E Matteo Renzi? Non commenta ma è possibile che, già da domani, da Italia Viva bollino come un errore la foto di Narni. Quella foto che li ha visti assenti. Ed è un’assenza che, nel Pd, non vorrebbero fosse replicata in Emilia-Romagna, dove i candidati renziani dovrebbero essere inseriti nella lista Bonaccini, senza simbolo.

Lo tsunami leghista riaccende anche la battaglia interna alla coalizione del centrodestra, con una FI che rischia di subire una vera e propria diaspora, in direzione Fdi da un lato e Italia Viva dall’altro. E proprio Meloni torna a chiedere delle primarie interne per la leadership del centrodestra. Primarie? “La Lega è al 40%, mi sembra che gli italiani hanno già deciso”, chiude Salvini. (Fonte Ansa).