Università: Cota e Zaia contestati da studenti a Torino

Pubblicato il 18 Novembre 2010 22:25 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2010 23:24

Alcune decine di studenti appartenenti ai Collettivi autonomi che da ieri occupano la sede della Facoltà di Matematica dell’Universita’ di Torino hanno contestato questa sera i governatori leghisti di Piemonte e Veneto, Roberto Cota e Luca Zaia.

Il gruppo e’ entrato nella Gam (Galleria d’arte moderna) dove stava per iniziare un incontro tra i due governatori moderato da Emilio Fede. Alcuni giovani si sono avvicinati al palco e hanno lanciato verso Cota e Zaia diverse manciate di false banconote da 50 euro con la riproduzione del volto del Presidente del Piemonte sovrastato da una corona, che riportavano la dicitura: ‘I soldi sono tutti miei e li do’ a chi voglio io’.

Altri giovani intanto scandivano lo slogan: ”Non vuole la gente Cota presidente”. Dopo alcuni minuti gli studenti sono stati allontanati dalle forze dell’ordine, che li hanno scortati all’esterno tra i cori leghisti del pubblico che ripeteva: ”Cota presidente lo vuole la gente”.

Zaia. ”Da quei giovani che questa sera protestavano contro di noi siamo ritenuti delle persone arrivate; in realta’ abbiamo fatto i lavori piu’ umili. Fa piu’ rumore una pianta che cade di una foresta che cresce”. E’ il commento del governatore del Veneto, Luca Zaia.

5 x 1000

”I ragazzi che protestavano – ha detto Zaia – sono la pianta che cade, perche’ quelli che sono rimasti in questa sala ora – ha detto rivolto alla platea leghista che si raccolta alla Gam di Torino per l’incontro dei due governatori – sono la foresta che cresce”. ”Tutti noi all’universita’ – ha concluso – abbiamo incontrato quelli che credevano di aver capito tutto e protestavano. Costoro protestano ancora mentre gli altri hanno fatto carriera”.