Valter Lavitola: Cassazione annulla l’arresto per presunta corruzione in Panama

Pubblicato il 14 agosto 2012 0:25 | Ultimo aggiornamento: 14 agosto 2012 0:29
valter_lavitola

Valter Lavitola (foto Lapresse)

NAPOLI – Niente carcere per le presunte tangenti di Panama: la Corte di Cassazione ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Valter Lavitola.

L’ex direttore dell’Avanti aveva ricevuto il provvedimento con l’accusa di corruzione. Secondo l’accusa, avrebbe pagato tangenti ad alcuni politici panamensi.

La Cassazione ha richiesto la richiesta avanzata dall’avvocato Gaetano Balice, ha annullato il provvedimento rinviando gli atti al Tribunale del Riesame che sarà chiamato a pronunciarsi nuovamente sul caso.

Resta invece confermata dalla Cassazione l’ordinanza per Lavitola in riferimento all’altro capo di imputazione contestato nel provvedimento restrittivo, ovvero le accuse relative ai presunti illeciti per i finanziamenti al quotidiano Avanti.

Nei prossimi giorni saranno note le motivazioni della decisione della Corte di Cassazione.