Verde leghista contro tricolore, guerra di bandiere a Venezia

Pubblicato il 12 Settembre 2010 11:08 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2010 11:11

Guerra di bandiere nella giornata della Festa della Lega a Venezia. Una bandiera del Carroccio ai piedi del Ponte della Costituzione, a piazzale Roma, dà immediatamente il segno del confronto che la Lega ingaggia oggi con il Comitato Bandiera Italiana che aveva annunciato l’esibizione del Tricolore.

A rispondere al Verde leghista sono i Tricolori appesi a decine sui palazzi veneziani, compreso quello ormai famoso di Lucia Massarotto, in un continuo gioco di rimandi e di simboli che si specchia nella acque della Laguna.

Dal primo mattino stanno affluendo all’approdo di San Zaccaria le 20 motonavi con i fedeli del Carroccio annunciati per l’occasione. E sempre dall’alba la macchina organizzativa fatta di centinaia di volontari ha provveduto ad issare 80 gazebi e a concludere l’allestimento del palco sul quale si alterneranno i leader del Movimento. Il popolo padano è tutto con Bossi nel non volere che si vada ad elezioni: ”Sarebbe un vantaggio per i nostri avversari – dice Ruggero, un imprenditore di Martellago (Venezia), che insieme ad alcuni amici è seduto ad un tavolo poco distante dal palco, mentre fa colazione con porchetta e prosecco – che si unirebbero da Fini all’estrema sinistra”.