Politica Italia

Vincenzo D’Anna corre per la presidenza dell’Ordine, insorgono le biologhe: “Sessista, rinunci”

Vincenzo D'Anna corre per la presidenza dell'Ordine, insorgono le biologhe: "Sessista, rinunci"

Vincenzo D’Anna corre per la presidenza dell’Ordine, insorgono le biologhe: “Sessista, rinunci”

ROMA – Vincenzo D’Anna corre per la presidenza dell’Ordine, insorgono le biologhe: “Sessista, rinunci”. Non poteva passare inosservata la discutibile sortita del senatore Vincenzo D’Anna ((Ala) a proposito dei recenti stupri di Rimini e Firenze, quella dove invitava le donne a tenere comportamenti più prudenti perché “la donna porta con sé l’idea del corpo, l’idea della preda”.

Oltre alla riprovazione generale per una posizione retrograda e sessista, il senatore ha ottenuto disapprovazione e biasimo dalle biologhe. D’Anna infatti corre per la presidenza dell’Ordine dei biologi, per questo l’appello al boicottaggio in rete tramite una pagina dedicata su Facebook. L’iniziativa, che ha raccolto subito un migliaio di adesioni, è stata lanciata dalla biologa Chiara Zucchelli.

“Il candidato alla presidenza dell’Ordine Nazionale dei Biologi stava davvero pronunciando queste frasi? – ha spiegato la Zucchelli a Vanity Fair -. Mi sono indignata e ho immediatamente deciso di reagire. Ha scritto un comunicato di protesta, creato un gruppo Facebook dedicato a chi non accetta una presa di posizione simile e lanciato l’hashtag «#fuoridall’ordine #iononcisto», “in quanto non lo riteniamo degno di rappresentare la nostra categoria professionale né tantomeno vogliamo che rappresenti noi come popolo in Parlamento”. (Monica Coviello, Vanity Fair)

To Top