Virginia Raggi, vertice al Comune. Ipotesi “avanti senza simbolo M5s”

di Lorenzo Muti
Pubblicato il 17 dicembre 2016 11:11 | Ultimo aggiornamento: 17 dicembre 2016 11:11
Virginia Raggi, vertice al Comune. Ipotesi "avanti senza simbolo M5s"

Virginia Raggi, vertice al Comune. Ipotesi “avanti senza simbolo M5s”

ROMA – Chiedere scusa (già fatto) e poi andare avanti, anche senza il simbolo del Movimento 5 Stelle. Sembra questa la strategia di Virginia Raggi dopo il caso Marra.

Una nuova riunione di maggioranza del M5S in Campidoglio è prevista nel pomeriggio di sabato 17 dicembre. Sul tavolo c’è la possibilità per il sindaco Virginia Raggi di andare avanti anche senza il simbolo del M5S, ipotesi che è già circolata venerdì e a cui il primo cittadino, nel corso delle consultazioni notturne,  si sarebbe detta disponibile.

Dopo l’arresto di Raffaele Marra, uomo che godeva della fiducia di Virginia Raggi, i consiglieri pentastellati capitolini si erano riuniti già ieri sera per un incontro andato avanti ad oltranza fino a tarda notte in cui si è già affrontato il tema senza però arrivare alle “conte” finali di quanti resterebbero e quanti no.

Secondo alcuni quotidiani sarebbero almeno una decina i consiglieri pronti a fare subito un passo indietro in caso di indicazioni in tal senso da parte di Beppe Grillo. Un numero sufficiente a determinare, di fatto, la fine della brevissima e particolarmente incerta parabola di governo di Virginia Raggi.

Nel mirino delle critiche interne oltre alla Raggi è finito anche Luigi Di Maio. Fu sua la decisione, alcune settimane fa, di continuare a puntare sul primo cittadino nonostante le perplessità crescenti all’interno del Movimento per quell’inizio pieno di scivoloni e quei nomi, Marra su tutti, difficilmente collegabili a M5s.