Vitalizi: senza, dovrei vivere con mio padre, giura Gianfranco Micciché

Pubblicato il 19 aprile 2018 6:30 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2018 13:45

PALERMO – “Se non avessi avuto il vitalizio, nel periodo in cui non sono stato deputato, probabilmente sarei stato costretto a tornare a vivere con mio padre che ha 97 anni, in attesa di maturare i 67 anni per la pensione. Sarei stato costretto a chiedere l’elemosina davanti a una chiesa. E’ questo che si vuole oggi dalla politica? E’ questo quello che vogliono i Cinquestelle?”.

Lo ha detto il presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Gianfranco Miccichè, commentando la proposta M5S sul taglio dei vitalizi, durante un forum dell’agenzia di stampa Italpress.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

I Cinquestelle “credo stiano studiando un sistema per cui il vitalizio gli arriverà comunque, non dall’Assemblea Regionale Siciliana ma dalle assicurazioni. Con la minore contribuzione dovuta dal deputato in caso di taglio dei vitalizi stipuleranno delle assicurazioni. Ho detto a Giancarlo Cancelleri (vicepresidente M5S dell’Ars, ndr), di spiegarmi come faranno, possibilmente tornerà utile a tutti”, ha aggiunto Miccichè