Vittorio Sgarbi: “Napolitano nelle telefonate a Mancino insulta Ingroia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 febbraio 2014 19:25 | Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2014 19:25
Vittorio Sgarbi (foto LaPresse)

Vittorio Sgarbi (foto LaPresse)

ROMA – Nessun riferimento alla presunta trattativa tra Stato e mafia. Ma insulti, quelli sì, a quell’Antonio Ingroia che della trattativa si è a lungo occupato. Questo ci sarebbe, e il condizionale è d’obbligo, nelle telefonate tra Giorgio Napolitano e Nicola Mancino, prima acquisite dalla procura di Palermo e poi distrutte su decisione del Tribunale. A dirlo, in una chiacchierata a Radio 24 nella trasmissione “La Zanzara” è Vittorio Sgarbi.

Come fa a saperlo? Semplice. Sgarbi sostiene di aver ascoltato quelle telefonate:

“Sono uno dei pochi che ha potuto ascoltare le telefonate tra Napolitano e Mancino. Mancino dice a Napolitano: ‘sai, vorrei che fosse Grasso ad occuparsi di me e non Ingroia’. A quel punto il Capo dello Stato risponde: ‘caro Nicola, Ingroia è una testa di cazzo, uno stronzo’. Per questo non ha voluto che fossero rese note. Non c’entra niente con la trattativa”.

Come e quando le avrebbe sentite Sgarbi non lo dice. Sta di fatto che subito dopo aver spiattellato in radio il presunto contenuto il critico fa una mezza retromarcia:

“Il presidente della Repubblica  non può permettersi di essere come me, quelle telefonate non nascondono nulla ma non sono potabili dal punto di vista del galateo politico. E comunque Napolitano ha diritto alla riservatezza”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other