Yara, la Lega attacca l’inchiesta: troppi ‘non lo so’. Il procuratore: “Mi stupirei se elogiassero i giudici”

Pubblicato il 21 Marzo 2011 12:04 | Ultimo aggiornamento: 21 Marzo 2011 12:04

Yara Gambirasio

BREMBATE SOPRA – La Lega Nord critica i magistrati che si stanno occupando dell’omicidio di Yara Gambirasio e dice: troppi non lo so e un sostanziale nulla di fatto a quattro mesi dalla scomparsa della ragazzina.

L’attacco del Carroccio si è concretizzato in un articolo a tutta pagina uscito domenica sulla ‘Padania’ in cui si legge: “Davanti a una folla di giornalisti per 23 volte il procuratore aggiunto Meroni ha risposto alle domande con ‘non lo so’, ‘è possibile, ma anche il suo contrario’, ‘non ne sono a conoscenza’. Si è toccato il grottesco e i giornalisti si sono dimostrati più preparati”.

‘La Padania’, inoltre, lamenta il mancato impiego di mezzi tecnologici più avanzati nella fase delle ricerche, come ad esempio rilievi fotografici del terreno mediante elicotteri.

Il procuratore aggiunto Massimo Meroni, interpellato dal ‘Corriere della Sera’, ha sottolineato: “Mi stupirei se in questo momento la Lega elogiasse la magistratura; meglio evidenziare le cose che non funzionano”.