L’Ue approva gli Ogm, ma Zaia dichiara: “Mai in Veneto. Europa ostaggio delle multinazionali”

Pubblicato il 14 luglio 2010 12:21 | Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2010 12:39

”La decisione della Ue dimostra che su queste partite l’Europa non esiste, e’ ostaggio delle multinazionali che tentano l’ultimo colpo di coda lasciando gli stati liberi di decidere”. Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha commentato cosi’ ai microfoni di CNRmedia la decisione di Bruxelles di lasciare gli Stati liberi di decidere in materia di organismi geneticamente modificati.

”Ma i cittadini europei non vogliono gli Ogm – ha affermato Zaia – Anche dal Veneto faremo battaglia perche’ gli Ogm non entrino mai nel nostro Paese. Aggiungo che la stragrande maggioranza degli agricoltori e’ contro gli Ogm e che non e’ affatto vero che possano risolvere la fame nel mondo, tantomeno che chi li coltiva guadagna di piu’. E non sono innocui, abbiamo visto che in Germania – ha osservato il governatore – e’ stata sospesa la coltivazione di un mais transgenico perche’ dava problemi di tumori alle cavie da laboratorio”.

Secondo Zaia, gli Ogm non risolvono la fame nel mondo, ”perche’ la produzione non viene certo regalata a chi non ha cibo”. ”Scegliere gli Ogm significa consegnare l’agricoltura alle grandi multinazionali – conclude – In Veneto non passeranno mai”. Infine, Zaia ricorda che ” il 75% dei cittadini italiani e’ contro gli Ogm”: ”Io sono visceralmente contro gli ogm -ribadisce – perche’ e’ prova provata il fatto che non danno piu’ reddito agli agricoltori e non risolvono affatto i problemi che si dice dovrebbero risolvere”.