Zanda: “Berlusconi sa che non vincerà, serve pattuglia che curi i suoi interessi”

Pubblicato il 14 luglio 2012 11:02 | Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2012 11:02

ROMA – “La decisione di Berlusconi di ricandidarsi è un’esplicita sconfessione dell’indicazione di Alfano come suo delfino”. Lo afferma il vicepresidente dei senatori del Pd intervenuto a SkyTg24. Per Zanda: “Berlusconi sa benissimo che il suo tempo è finito e sa di non avere più la possibilità di vincere nuovamente le elezioni.

Ma ha ancora un obiettivo, lo stesso che aveva prima delle elezioni del ’94: difendere i suoi interessi e, per farlo, ha bisogno di pattuglia di parlamentari fedelissimi che, al Senato e alla Camera, lavorino solo a protezione dei suoi interessi personali. Per raggiungere l’obiettivo – conclude Zanda – un delfino è solo d’impaccio. In campo deve esserci solo lui”.