Aborto negli Usa: fino a che c’è Kansas c’è speranza. Referendum boccia divieto

Kansas, referendum pro o contro il divieto di aborto: 59 per cento contro il divieto. Una "sentenza" elettorale che di fatto dichiara la Corte Suprema Usa estremista.

di Alessandro Camilli
Pubblicato il 4 Agosto 2022 - 10:20
Aborto negli Usa: fino a che c'è Kansas c'è speranza. Referendum boccia divieto

Aborto negli Usa: fino a che c’è Kansas c’è speranza. Referendum boccia divieto FOTO ANSA

Il Kansas è uno Stato conservatore e repubblicano e non per poco o da poco. La storia politica ed elettorale del Kansas è praticamente univoca: maggioranze e Governatori di destra. Eppure alla domanda favorevoli o contrari al divieto di aborto i cittadini del Kansas hanno risposto contrari al divieto. Contrari al divieto di aborto. E non di poco: quasi il 59 per cento in apposito referendum. Quindi la “sentenza” di un referendum popolare tenuto in uno Stato conservatore e tradizionalista si oppone alla sentenza della Corte Suprema Usa che ha negato le donne americane abbiamo diritto ad accedere all’interruzione volontaria della gravidanza.

Elettorato dichiara la Corte estremista

L’elettorato (demagogia populista direbbe il popolo) ha di fatto dichiarato estremista la Corte Suprema. Corte che in realtà ha sentenziato secondo i percorsi culturali e a questo punto anche francamente politici dell’estremismo reazionario più che conservatore. La Corte Suprema Usa si è collocata in missione contro la modernità, in ogni sua forma. Esattamente come fa il movimento (anzi i movimenti) della destra estrema. Estrema e totale che ha come suoi nemici, anzi demoni, la scienza, la cultura, le libertà civili e, in maniera sempre più esplicita, donne neri ed etnie varie che no stiano e non sappiano stare “al loro posto”.

Simmetricamente negli Usa un cosiddetto progressismo estremo (estremo di sicuro, progressismo molto da millantato credito) soffoca razionalità, ragione e liberalismo e addirittura libertà dentro la camicia di forza della cultura politicamente corretta. Il voto nel referendum in Kansas sul diritto di aborto sottrae la questione a questa tenaglia mortificante e intollerante. E ricorda, ribadisce quel voto in Kansas come decidere se avere un figlio o una figlia e poterlo decidere in libertà non possa e non debba essere delegato e legato ad ideologie, tanto meno a forme contemporanee di teocrazie, religione che si fa Stato. Per le donne americane dunque, fino a che c’è Kansas, c’è speranza.