Afghanistan. Talebani: attacco a consolato Usa Herat, morti e feriti

Pubblicato il 13 settembre 2013 10:38 | Ultimo aggiornamento: 13 settembre 2013 10:38
Il consolato americano a Herrat

Il consolato americano a Herrat

KABUL, AFGHANISTAN -I talebani hanno sferrato due attacchi suicidi venerdi in Afghanistan contro il consolato statunitense nella provincia occidentale di Herat e contro la sede dell’amministrazione di un distretto della provincia sud-orientale di Paktika, con un bilancio ancora incerto di almeno sei morti, fra cui cinque kamikaze e diecine di feriti.

Il capo della polizia provinciale di Herat, generale Rahmatollah Safi, ha dichiarato che intorno alle 5.30 locali un camion carico di esplosivo è saltato in aria davanti alla sede del consolato statunitense, mentre un gruppo di militanti ha provocato una sparatoria con gli addetti alla sicurezza. Fornendo un bilancio dell’attacco, rivendicato dai talebani, il portavoce del ministero dell’Interno, Sidiq Sidiqi, ha indicato che cinque kamikaze ed un agente della sicurezza sono morti, mentre tre agenti e 18 civili sono rimasti feriti.

In precedenza una fonte sanitaria del principale ospedale di Herat aveva pero’ parlato di tre morti 20 feriti. Inoltre lo stesso generale Safi aveva parlato del rinvenimento di sette cadaveri con indosso uniformi militari vicino al primo cancello del consolato che non erano stati ancora identificati.

Quasi contemporaneamente all’assalto al consolato un altro commando armato ha attaccato la sede dell’amministrazione del distretto di Sarawza, nella provincia di Paktika, con un bilancio di 16 feriti e gravi danni all’edificio. Il capo della polizia di Paktika, Dawlat Khan Zadran, ha al riguardo precisato che i feriti sono “dieci agenti, due membri dei servizi segreti e quattro ccivili”.

Un portavoce dell’ambasciata americana a Kabul ha confermato venerdi che ”un attacco e’ stato portato contro il consolato statunitense ad Herat City”, ma che ”tutto il personale e’ stato localizzato ed e’ sano e salvo”. Verso le 5:30, ha spiegato il portavoce, ”un attacco complesso e con l’utilizzazione di un’autobomba ha avuto come obiettivo l’edificio del nostro consolato”. Grazie alla decisa risposta delle forze di sicurezza, si dice infine, l’offensiva del commando armato e’ stata respinta e gli aggressori sono stati uccisi. Secondo il governatore della provincia di Herat, Syed Fazlullah Wahidi, almeno un kamikaze e’ riuscito a penetrare durante gli scontri all’interno dell’edificio consolare.

I talebani afghani hanno rivendicato l’attacco di al consolato degli Stati Uniti ad Herat City. Un portavoce ha assicurato che un commando di kamikaze e’ entrato in azione prima dell’alba causando ”molte vittime agli invasori stranieri”. Da parte sua la Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf) a Kabul ha confermato l’incidente sostenendo che ”il consolato e’ stato messo in sicurezza e gli attaccanti sono stati uccisi”. Fonti della polizia hanno intanto indicato che negli scontri sarebbero morti due agenti afghani.

Sette cadaveri in uniforme militare sono stati trovati vicino al primo cancello del consolato americano. Lo ha reso noto il capo della polizia provinciale.  ”Non sappiamo – ha aggiunto – se si tratti di militanti che hanno usato queste divise o di membri delle forze di sicurezza”. Si è infine appreso che oltre i membri del commando uccisi, vi sarebbero anche due agenti morti e 18 feriti.

I talebani afghani hanno rivendicato l’attacco al consolato degli Stati Uniti ad Herat City. Un portavoce ha detto che un commando di kamikaze e’ entrato in azione prima dell’alba causando ”molte vittime tra gli invasori stranieri”. Da parte sua la Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf) a Kabul ha confermato l’incidente affermando che ”il consolato e’ stato messo in sicurezza e gli attaccanti sono stati uccisi”. Fonti della polizia hanno intanto indicato che negli scontri sarebbero morti due agenti afghani.