Afghanistan: Karzai licenzia a sorpresa due ministri mentre si prepara l’offensiva contro i talebani

Pubblicato il 7 Giugno 2010 10:50 | Ultimo aggiornamento: 7 Giugno 2010 10:50

Il presidente afghano Hamid Karzai ha licenziato due alti funzionari incaricati della sicurezza a causa dell’attacco sferrato la settimana scorsa contro una conferenza nazionale diretta ad esplorare vie di pace con i talebani, a quanto riferisce l’Associated Press.

I due funzionari – che erano in ottimi rapporti con gli americani – sono il ministro dell’interno Hanif Atmar, e il capo del direttorato per la sicurezza, Amrullah Saleh. Quest’ultimo svolse un ruolo importante quando gli americani rovesciarono il regime dei talebani nel 2001.

”Abbiamo stima e ammiriamo entrambi i ministri”,ha dichiarato il portavoce del pentagono Geoff Morell. Dal canto suo, il comandante in capo delle forze americane in Afghanistan, generale McChrystal, ha dichiarato di rispettare l’autorità di Karzai nel prendere questa ”difficile” decisione.

La settimana scorsa due talebani hanno sparato razzi contro la conferenza nazionale ma senza provocare vittime.

Atmar ha dichiarato che lui e Saleh hanno incontrato Karzai domenica, e quando il presidente ha detto che vi era un vuoto di leadership nel settore della sicurezza Atmar ha offerto le sue dimissioni. Dal canto suo Saleh, dimissionario anche lui, ha dichiarato che c’erano ”decine di ragioni’ per lasciare l’incarico, ma non ha voluto precisare quali.

La dipartita dei due alti funzionari, rilevano gli osservatori, sarà un altro motivo di irritazione nei già difficili rapporti tra Karzai e Washington. I licenziamenti hanno sorpreso i funzionari americani e potrebbero causare sconvolgimenti all’interno dei settori dell’intelligenze e della sicurezza in questo momento critico, quando gli Stati Uniti e la Nato intensificano le operazione belliche contro i talebani e il governo afghano intende offrire la pace ai ribelli.

I licenziamenti probabilmente daranno nuovo vigore alle voci secondo cui all’interno dell’amministrazione Karzai vi sono divergenze riguardo alla sua intenzione di trattare con i talebani.